Mi scrive G.D. – anni 41 – probabilmente destro
Non esiste riscontro grafico in quanto l’utente non ha autorizzato alla pubblicazione di una parte dello scritto sottoposto ad esame

Questa grafia, ordinata, armoniosa, elastica e ben spaziata, viene definita “Scrittura dell’intellettuale”, perché le doti che indica nella personalità sono proprie della costituzione di un soggetto portato all’apprendimento, alla rielaborazione acuta, alla visione di vita più dal punto di vista mentale, che materialistico.

Questo non significa che, nel campo della organizzazione e della capacità di apprezzare quanto materialmente la vita offra, vi siano carenze, anzi.
Per meglio spiegare questa personalità, è bene premettere che l’attività dell’Io ha tre precisi momenti:

  • ricezione e rappresentazione nel sé della realtà ambientale (vedo, osservo, sento, colgo la realtà attraverso i sensi e l’intuito ed introietto quanto ho “preso”)
  • elaborazione di quanto recepito, sia nei fatti gioiosi, sia in quelli negativi (riflessione, eventuali spiegazioni, eventuali accorgimenti per raggiungere l’equilibrio che sia stato destabilizzato)
  • Spinta a reagire, rispetto all’azione dell’esterno, rispondendo alle sollecitazioni ricevute per far ripetere ciò che è piaciuto, o per non incorrere più nel dolore, o per far cessare la causa del dolore.

Ogni persona normodotata si comporta in questo modo, in ogni avvenimento della vita. Lo stimolo azione/reazione, con l’intermezzo rielaborativi, caratterizzano il vivere.
E’ la modalità della reazione che diventa, invece, caratteristica per ognuno di noi, dando l’impronta della personalizzazione all’agire.

Detto questo, come si comporta G.D.? Basti questo.
Ha un Segno grafico che recita esattamente:

capacità di vedere gli accadimenti con senso critico ed obbiettiva valutazione delle resistenze e delle opposizioni della realtà esterna.

A tutte le già notate doti, possiamo, quindi, aggiungere un sostanziale equilibrio. Ma esiste qualcosa che può rendere un po’ agitato questo soggetto??
Sì, ed è il ricordo di frustrazioni passate, di negatività non superate, caratteristica che lascia un po’ d’amaro in bocca a questa personalità così oblativa, così portata, anche, per strategiche risoluzioni.

Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.