Tempo di lettura: 3 minuti

Crema (Cremona) – Game over anche per la Green Up Crema che dopo la Juvi Ferraroni Cremona si ferma al 1° turno playoff facendosi superare in casa alla Cremonesi dalla Paffoni Omegna con il punteggio finale di 65 a 68, e grazie a questo successo i piemontesi nel 2° turno se la vedranno con la Moncada Group Fortitudo Agrigento che ha liquidato in sole 3 partite i Tigers Cesena.

Per questa gara coach Eliantonio deve rinunciare a Leardini (in panchina per onor di firma) e schiera lo starting five composto da Montanari, Pederzini, Arrigoni, Del Sorbo e Trentin; mentre dall’altra parte coach Andreazza si affida a Prandin, Balanzoni, Scali, Procacci e Sgobba.

La gara vede un inizio punto a punto con le due formazioni che si alternano al comando sino a fine quarto chiuso in vantaggio dai rosanero sul punteggio di 16 a 15, grazie ad un canestro di Pederzini. Nel 2° periodo parte bene la Green Up che nel giro di 3’ vola dapprima a +8 e successivamente toccare il massimo vantaggio poco prima dell’intervallo a +12, poi sul capovolgimento di fronte Procacci manda le squadre all’intervallo sul punteggio di 37 a 27.

Al rientro dagli spogliatoi come già accaduto in gara 3 la Green Up si disunisce e la Paffoni recupera punto su punto sino a quando Battaglia opera il sorpasso sul 39 a 41 al 25’; poi si continua con leggeri vantaggi esterni sino alla fine del 3°quarto chiuso sul punteggio di 49 a 50 grazie al botta e risposta tra Venturoli e Sgobba.

La 4ª frazione inizia in salita per la Green Up, perché 2 triple consecutive di Prandin spaccano in 2 il match portando la Paffoni a +7, costringendo coach Eliantonio al time out riparatore; poi si continua con questo margine sino al 37’ sul punteggio di 55 a 62 con un tiro libero di Balanzoni. Sembra fatta ma i leoni indomabili non mollano e trascinati da Pederzini e capitan Del Sorbo piazzano un parziale di 9 a 0 operando il sorpasso sul 64 a 62, ma sul capovolgimento di fronte Scali con una tripla riporta avanti gli ospiti ma Pederzini con un tiro libero su 2 pareggia i conti a quota 65 a poco più di un minuto dalla fine. La gara allora si decide nell’infuocato finale quando l’Mvp Procacci e Scali con un tiro libero su 2 portano avanti di un possesso pieno la Paffoni; la Green Up non vuole alzare bandiera bianca e dopo l’uscita per 5 falli di Pederzini i rosanero per 3 volte nel giro di pochi secondi hanno a disposizione la tripla del possibile overtime ma Montanari, Drocker e Del Sorbo sbagliano ed i piemontesi possano festeggiare così la qualificazione al 2° turno lasciando i cremaschi increduli e dispiaciuti ma consapevoli di aver dato filo da torcere ad una formazione ben strutturata che soprattutto nell’ultimo periodo ha dovuto lottare tra Covid-19 ed infortuni vari privando coach Eliantonio di alcuni protagonisti di questa positiva stagionale che rimarrà negli annali della società del presidente Piacentini.

GREEN UP CREMA-PAFFONI OMEGNA 65-68
PARZIALI: 16-15, 37-27, 49-50
GREEN UP CREMA: Leardini, Montanari 2, Venturoli 13, Mercado n.e., Pederzini 13, Arrigoni 11, Bonvini n.e., Dosen, Del Sorbo 7, Drocker 7, Perez 2, Trentin 10. All.: Eliantonio.
Uscito per 5 falli Pederzini 40′ (65-68).
PAFFONI OMEGNA: Artioli 4, Sgobba 5, Battaglia 4, Prandin 11, Balanzoni 5, Segala n.e., Terreni n.e., Del Testa, Scali 15, Zugno, Procacci 24, Neri n.e. All.: Andreazza.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Castiglione di Palermo e Giunta di Ragusa.