Firenze.  Inizia con una sconfitta l’avventura playoff per la Juvi Ferraroni Cremona che in terra toscana nella gara 1 cede al cospetto della All Food Fiorentina Scandicci che si impone con il punteggio finale di 78 a 61. Per questa gara coach Brotto schiera lo starting five composto da Bona, Esposito, Valenti, Veronesi e Belloni; mentre dall’altra parte coach Niccolai risponde con Berti, Tourè, Banti, Bastone e Genovese.

La gara vede un inizio molto equilibrato con le difese a prevalere sugli attacchi e dopo 5’ i cremonesi con una tripla di Belloni mettono la testa avanti sul 9 ad 11, poi si procede punto a punto per alcuni minuti sino agli ultimi minuti quando i cremonesi con una tripla di Bona volano a +9, ma sul ribaltamento di fronte Cuccarolo chiude il 1°quarto sul punteggio di 15 a 22. Nel 2°periodo un canestro di Ndiaye spinge la Ferraroni a sfiorare la doppia cifra di vantaggio sul 15 a 24, ma i locali non cedono e minuto dopo minuto cominciano ad alzare i giri del proprio motore e con Cuccarolo operano il sorpasso sul 29 a 28 al 16’, ma Valenti poco dopo riporta avanti per l’ultima volta gli amaranto-oro sul 29 a 30.

La gara procede sui binari dell’equilibrio per un paio di minuti, dopodichè la All Food trascinata dalla coppia Cuccarolo-Bastone piazza un parziale di 8 a zero e manda le 2 squadre all’intervallo sul punteggio di 46 a 34. Al rientro dagli spogliatoi parte bene la Ferraroni che con Bona e Belloni con una tripla riavvicina i cremonesi a -7 sul 46 a 39, ma poco dopo altro blackout ospite con Speronello che viene sanzionato con un fallo tecnico e Genovese spinge i toscani sul 53 a 39 al 23’; nel finale altro mini recupero cremonese e grazie ai canestri di Valenti chiude il 3°periodo a -9 sul punteggio di 60 a 51. Nell’ultimo quarto è ancora Valenti che piazza la tripla del -6, poi i padroni di casa si riprendono e trascinati da Tourè, Cuccarolo e Berti arriva a sfiorare le 20 lunghezze di vantaggio mettendo in ghiaccio il match. Giovedì 2 maggio al PalaRadi servirà la miglior Ferraroni per riportare il match in parità e poi di giocarsi tutto domenica 5 maggio a Firenze per giocarsi l’ammissione al 2°turno.

ALL FOOD FIORENTINA SCANDICCI-JU.VI.FERRARONI CREMONA 78-61

PARZIALI: 15-22, 46-34, 60-51

ALL FOOD FIORENTINA SCANDICCI: Berti 4, Tourè 17, Banti 2, Bastone 18, Genovese 13, Ciacci, Cuccarolo 16, Drocker 6, Mancini, Savoldelli, Vico, Udom 2. All.: Niccolai.

Uscito per 5 falli: Vico 34’.

JU.VI.FERRARONI CREMONA: Bona 7, Esposito 6, Valenti 20, Veronesi 6, Belloni 10, Vacchelli 1, Ndiaye 6, Manini, Perini n.e., Speronello 2, Contini, Cusinato 3. All.: Brotto.

Nessuno uscito per 5 falli, fallo tecnico a Speronello 23’.

ARBITRI: Di Martino di Santa Maria La Carità (NA) ed Agnese di Barano d’Ischia (NA).

Nelle gare di andata del 1°turno playoff nessuna sorpresa con il dominio del fattore campo su quasi tutti i campi. Ad Omegna la Fulgor (D’Alessandro 13) si impone senza problemi contro il Rucker San Vendemiano (Vedovato 15), mentre a Faenza la Rekico (Venucci 29) piega a fatica ed in rimonta i toscani dell’Etrusca San Miniato (Preti 19). A Milano sofferta vittoria casalinga della Superflavor Urania Milano (Piunti 20) che si impone a fatica contro l’Olimpo Alba (Dell’Agnello 24), mentre a Firenze i padroni di casa della All Food Fiorentina (Bastone 18) piega una Juvi Ferraroni Cremona (Valenti 20) a corrente alternata. Ad Orzinuovi i locali della Agribertocchi (Turel 20) superano senza grossi problemi i piemontesi dell’Oleggio Magic (Hidalgo-Bertocchi e Valentini 9), mentre a Vigevano i ducali piegano con qualche difficoltà la Antenore Energia Virtus Padova (Filippini 23).

A Piombino i labronici (Procacci 17) vincono a fatica contro una positiva Tramarossa Vicenza (Crosato 15), mentre a Cesena l’Amadori Tigers Forlì Cesena (Sacchettini 15) deve sudare più del dovuto e battere in volata all’overtime la Sangiorgese San Giorgio su Legnano (Parlato 17), a San Severo i dauni (Rezzano 17) vincono a fatica tra le mura amiche contro la HSC Roma (Mouaha 18), mentre a Matera i lucani (Battaglia 14) rischiano grosso nel derby del sud contro Bisceglie (Smorto 16), mentre Palestrina dopo aver dominato per i primi 2 quarti rischia di perdere in casa contro Corato (Idiaru 17), mentre la prima sorpresa giunge dalle Marche dove Fabriano (Paparella 13) cade per mano di Napoli (Bagnoli 16), mentre la Juve Caserta (Ciribeni 18) rischia grosso contro Nardò (Ingrosso 16) e l’Amatori Pescara (Poti 21) cade in volata per mano della Viola Reggio Calabria (Vitale 19). Infine nette vittorie casalinghe per Chieti (Ponziani e Migliori 14) che supera il Luiss Roma (Martino 15) e della Virtus Arechi Salerno (Leggio 17) che regola i marchigiani di Senigallia  (Morgillo 22).

Nelle gare del 1°turno playout che al contrario dei playoff sono al meglio delle 5 partite ha visto il netto dominio del fattore campo con una sola vittoria esterna. Nel derby toscano vittoria sofferta di Montecatini (Galli 25) che piega in rimonta la Virtus Siena (Bianchi 13), mentre a Castelletto Ticino i locali del Valsesia (Cernivani 22) piegano in volata i labronici di Cecina (Cicchetti 19). A Lecco i padroni di casa della Gimar (Chinellato 13) facile vittoria contro Orva Lugo di Romagna (Bedin 13), mentre a Scandiano (Gatto 19) la Bmr dopo aver dominato per i primi 2 quarti rischia di gettare alle ortiche il successo e piega in un finale movimentato Crema (Montanari 21) che arriva sino a -5 dopo essere stata in svantaggio anche di quasi 20 lunghezze.

A Teramo il derby abbruzzese se lo aggiudica Teramo (Canelo 19) che supera di misura Campli (Raicevic 17), mentre a Porto Sant’Elpidio netta affermazione dei marchigiani trascinati dai 16 punti di Marchini che vince a mani basse contro Catanzaro (Locci 18); mentre a Valmontone (Sabbatino 21) i laziali rischiano grosso in casa contro l’Alfa Catania (Provenzani 16) ed infine come detto vittoria a sorpresa della Virtus Pozzuoli (Thiam 22) che supera in trasferta il Green Palermo (Svoboda 15).

Le gare 2 sono in programma sugli stessi campi e si terranno tra mercoledì 1 e giovedì 2 maggio.