Tempo di lettura: 2 minuti

Guastalla (Reggio Emilia) – Tornano questo fine settimana la Mostra mercato di varietà tradizionali di frutti, fiori, ortaggi e sementi, mostra di animali rurali di “bassa corte”, assieme alla mostra mercato di prodotti eno-gastronomici biologici tipici e dimenticati e alla festa delle singolarità territoriali del Po e di altre vie d’acqua.

In aggiunta anche Bric à brac, mostra di prodotti artigianali, fiera dei vagabondaggi, dei nomadismi, dei pellegrinaggi, delle transumanze e delle navigazioni di uomini ed altro.

L’appuntamento è fra il Lido Po di Gualtieri, nel reggiano,  e il porto fluviale di Pomponesco in provincia di Mantova.

Georgica_Guastalla_2016_Fotor“Georgica” nasce come “sorella” primaverile di “Piante e Animali Perduti”, ed eredita da Piante e Animali Perduti lo stesso impegno nella difesa della biodiversità e della diversità enogastronomica. A differenza della manifestazione di fine settembre, che si sviluppa in ambito urbano, “Georgica” ha scelto come scenario le rive del Po, per celebrare ancor più la vita all’aria aperta e le pratiche di lavoro dei campi.

Laboratori creativi con materiali di recupero, esperienze di teatro-lettura, percorsi sensoriali dedicati alle voci del fiume, dimostrazioni dell’antica arte della falconeria e gli antichi giochi, passeggiate a dorso d’asino con Massimo Montanari, gli animali ammaestrati del pastore Antonio Toma e la mostra (a cura di Aerav) di esemplari di oche e anatre e di animali rurali di “bassa corte”.

Animano la manifestazione conversazioni con esperti sulle tematiche più curiose e interessanti relative alla cura degli animali domestici e d’allevamento, al lavoro dei campi, ai frutti della terra, all’orto, al giardino. Incontri dedicati agli orti comunitari, all’edilizia naturale, all’agricoltura sociale e all’uso consapevole delle risorse.

Sagra degli antichi sapori con specialità agroalimentari italiane e reggiane, Georgica presenta anche alcuni presidi Slow Food, mentre sono destinati ai buongustai i menù che spaziano dalla tradizione della terra a quella del fiume.

Tra le proposte, spiccano le visite guidate alle opere di bonifica, il festival di arte ambientale, le presentazioni di libri, i concerti, le animazioni, i laboratori per riscoprire arti antiche (dalla tessitura alle dimostrazioni pratiche di utilizzo della lana, dall’intreccio del salice), l’artigianato e il mercato del vintage.

Per l’occasione è attivo un collegamento fluviale che unisce la sponda reggiana di Guastalla alla sponda lombarda di Pomponesco dove sarà allestito un mercato contadino con un ristoro e sarà possibile visitare con gli asinelli la riserva naturale della garzaia, nella golena del Po, attigua al porto.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *