Tempo di lettura: 1 minuto

Un minore su 2 è tentato dalle scommesse, ma solo il 17% ne avverte effettivamente la componente di rischio o dipendenza.

Sono i dati dell’ultimo studio realizzato dall’Osservatorio Young Millennials Monitor di Nomisma (osservatorio sostenuto da Unipol dedicato al monitoraggio di opinioni, attitudini, stili di vita dei giovani) su un campione di 11 mila giovani tra gli 11 e i 19 anni.

Nel 2016 sono stati oltre 1,2 milioni quelli che hanno tentato la fortuna almeno una volta con il gioco d’azzardo.

Ed è proprio ai giovani che si rivolge “Azzardo… o non azzardo? Questo è il gioco”, concorso per videomaker, registi, videoartisti tra 14 e 20 anni promosso dal Comune di Bentivoglio insieme al Circolo Arci San Marino nell’ambito del progetto “A che gioco giochiamo” del Comune di Bentivoglio contro il gioco d’azzardo patologico.

Obiettivo? Raccontare il rapporto tra i giovani e il gioco d’azzardo attaverso un video da loro realizzato. C’è tempo fino al 10 maggio per partecipare.

Sensibilizzare le giovani generazioni sul tema della dipendenza dal gioco d’azzardo e sul rischio che diventi un comportamento patologico.

I lavori possono essere girati con qualsiasi strumento tecnologico, avere una durata non superiore a 10 minuti e non superare i 2 gigabyte. Per il primo classificato c’è in premio un buono spesa di 100 euro e per il secondo da 50 presso un negozio di prodotti digitali.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *