Tempo di lettura: 1 minuto

Brescia. Giorgio Lombardi è stato per oltre trent’anni docente di urbanistica a Venezia, una mostra al MO.CA. Centro delle nuove culture, dal 23 febbraio al 24 marzo, presenta una sintesi della sua lunga attività di architetto e urbanista, cercando di restituire un’immagine il più possibile completa della sua figura professionale nei diversi campi in cui ha lavorato. L’esposizione ne articola l’opera in quattro grandi sezioni: l’attività urbanistica nel mondo, quella realizzata in Italia, il contributo dato alla città di Brescia e i progetti per l’allestimento di opere d’arte.

Per Giorgio Lombardi l’architettura non era esibizione muscolare, né affermazione del proprio ego professionale. Ma un paziente lavoro di tessitura e cucitura tra esigenze della società e interessi costituiti, di equilibrio tra conservazione e modernità, insito nella sua specializzazione di urbanista con una profonda conoscenza dei centri storici.

Giorgio Lombardi (1942-2006) per oltre 40 anni ha lavorato come architetto e urbanista in Italia e nel resto del mondo, dalla Germania all’Iraq, dai Balcani all’America Latina. È stato portavoce dell’esperienza italiana nel mondo sulla tutela e il recupero dei centri storici, una specializzazione riconosciuta come il più importante contributo dell’Italia in campo urbanistico internazionale e ancor oggi ricercata in tutto il mondo.

Visita della mostra con il curatore Enrico Fontanari in programma per mercoledì 28 febbraio alle ore 17. Presentazione del libro Giorgio Lombardi: L’uomo e l’architettura a cura di Anna Paola Pola mercoledì 28 febbraio alle ore 15.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *