Tempo di lettura: < 1 minuto

La Repubblica riconosce il 9 maggio, anniversario dell’uccisione di Aldo Moro e di Peppino Impastato, quale ‘Giorno della Memoria’, al fine di ricordare tutte le vittime del terrorismo, interno e internazionale, e delle stragi di tale matrice.

Come da prassi consolidata, la Casa della Memoria, costituita da Comune di Brescia, Provincia di Brescia e Associazione familiari Caduti strage di Piazza Loggia offre iniziative atte a ricordare tutte le vittime del terrorismo. Per la ricorrenza del 9 maggio la Casa della Memoria ha organizzato un programma che si articolerà con alcune manifestazioni dedicate agli studenti e alla cittadinanza.

Una giornata istituita con legge nel 2007, per ricordare e tributare il riconoscimento del Paese alle vittime nonché il sostegno morale e la vicinanza umana alle loro famiglie. In occasione della prima giornata della memoria, 9 maggio 2008, la Presidenza della Repubblica ha pubblicato il volume “Per le vittime del terrorismo nell’Italia repubblicana” per ricordare le vittime di fatti di violenza politica interna a carattere terroristico , eversivo, verificatisi in Italia a partire dagli anni ’60. Per ognuno dei 181 fatti fornisce una breve scheda illustrativa integrata da dati biografici e quando possibile dalle fotografie delle 378 vittime.IMG_3293

Il volume è aperto da una riflessione del Presidente della Repubblica Nel discorso pronunciato dall’allora presidente Giorgio Napolitano per la ricorrenza, aveva dichiarato: “ Quel che più conta, tuttavia, è scongiurare ogni rischio di rimozio

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.