Tempo di lettura: 3 minuti

Brescia. L’istituzione della Giornata dei Giusti dell’Umanità, oggi, non è più circoscritta alla Shoah ma ricorda quanti in tutti i genocidi e totalitarismi si sono prodigati per difendere la dignità umana. Il 25 febbraio e il 6 e 7 marzo a Brescia Barbariga e Orzinuovi le celebrazioni per la VII Giornata Europea dei Giusti.

I tre giorni di celebrazioni per ricordare i Giusti inizieranno lunedì 25 febbraio, alle ore 11.30, nel Parco Tarello di Brescia. Ascritti al novero dei “Giusti” della Giornata Europea anche i premi Nobel per la Pace Lech Wałęsa (1943) sempre in prima linea per la difesa dei diritti umani e strenuo oppositore al populismo dilagante in Polonia e Nadia Murad (1993) una delle donne yazide rapite dallo Stato Islamico. Con loro si ricorderanno il partigiano Astolfo Lunardi (1891- 1944), fucilato il 6 febbraio 1944 e il grande rabbino Giuseppe Laras (1935 –2017), figlio della Shoah e figura chiave nella costruzione del dialogo ebraico-cristiano nel nostro Paese.

All’incontro interverranno la filosofa Francesca Nodari, Presidente della Fondazione Filosofi lungo l’Oglio e direttore dell’omonimo Festival, il Prefetto di Brescia Annunziato Vardé, il Sindaco di Brescia Emilio Del Bono, l’Assessore al verde del Comune di Brescia Miriam Cominelli, il deputato della Repubblica Emanuele Fiano, figlio di uno dei più attivi testimoni della Shoah, Anna Lia Guglielmi esperta di Europa dell’Est e assegnataria della medaglia conferita dalla Commissione Nazionale di Solidarność agli stranieri che con la loro opera hanno sostenuto il sindacato.

Sempre a Brescia nel pomeriggio del 25 febbraio alle ore 18 presso la Libreria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore in via Trieste 17/D si terrà la presentazione della nuova collana «Memoria del Tempo», edita da Mimesis e diretta da Francesca Nodari con i due volumi Il comandamento della memoria di Giuseppe Laras e La scoperta dell’umanità nell’inferno dello Stalag 1492 di Bernhard Casper.

Mercoledì 6 marzo, alle ore 11, in occasione della cerimonia di inaugurazione del Giardino dei Giusti di Barbariga (Brescia), presso la Torre passeraia in via Garibaldi, saranno onorati: Don Giuseppe Potieri (1907 –1982), sacerdote che collaborò con i partigiani, patendo la prigionia e rischiando la fucilazione e Don Pino Puglisi (1937–1993) il “prete con i pantaloni”, chiamato così per la sua abitudine di non indossare la veste ecclesiastica per le strade di Brancaccio a Palermo. Don Puglisi è stato il primo martire della Chiesa ucciso dalla mafia per il suo costante ed esemplare impegno evangelico e sociale.

La manifestazione si concluderà il giorno successivo, giovedì 7 marzo, alle ore 11, nel Giardino dei Giusti del Parco Alcide De Gasperi di Orzinuovi (Brescia) dove saranno ricordati: Vittorio Foa (1910 –2008) antifascista, politico, saggista, considerato uno dei Padri fondatori della Repubblica.

Un ricordo andrà anche ai coniugi Giuseppe Gloriotti (1883-1962) e Maria Colombi (1891-1971), che nascosero nella loro abitazione a Orzinuovi, la più piccola delle quattro sorelle Silbermann, fuggite dalla Germania nazista. In ciascun giardino, la cerimonia prevede lo scoprimento del cippo sul quale sono contenute le motivazioni del perché quella persona viene onorata come Giusta e la piantumazione di un albero a futura memoria.

Celebrare l’esempio dei Giusti per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà è diventato per la Fondazione Filosofi lungo l’Oglio, un imperativo che ha portato nel 2013 all’istituzione del Giardino dei Giusti di Brescia e nel 2015 a quella del Giardino dei Giusti di Orzinuovi.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *