Oggi 7 aprile cade la Giornata Mondiale della Salute, oggi più che mai con la diffusione della pandemia del coronavirus mette in evidenza i problemi dei sistemi sanitari e di conseguenza della nostra salute. Il tema scelto quest’anno è “Proteggere la salute dai cambiamenti climatici”. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon afferma: “Il cambiamento climatico viene spesso affrontato come una minaccia che riguarda il pianeta e non le persone che vi abitano”, mentre invece pone ogni giorno nuove sfide alla sicurezza della salute pubblica.

Secondo Medicina Democratica “L’assistenza sanitaria è diventata sempre più privatizzata. Le politiche nel campo della salute si sono concentrate quasi esclusivamente sul numero crescente di prestazioni senza tener conto della loro efficacia e senza capire i veri bisogni delle popolazioni. Il volume di attività molto elevato rappresenta una fonte di guadagni e di rimborsi per le strutture private e accreditate, ma non rispetta quello che dovrebbe essere un sistema basato sui bisogni e sui diritti. Vengono stimati i costi presunti per ciascuna patologia indipendentemente dalle reali esigenze di cura dei pazienti.”

Per questo motivo, la Rete Europea contro la privatizzazione e la commercializzazione di salute e protezione sociale e il People’s Health Movement riaffermano che è essenziale, ora più che mai, creare un sistema sanitario pubblico europeo, forte e solidale, di qualità e accessibile a tutta la popolazione. Questo sistema deve essere finanziato da risorse pubbliche attraverso le tasse o i contributi previdenziali, a seconda del paese, per dare la risposta piena e universale ai bisogni di salute. Essa deve inoltre essere basata sulla solidarietà tra le persone e tra i paesi europei, piuttosto che sugli interessi privati degli azionisti.”

Il Movimento Per la Pace rimarca la scelta di porre al centro del dibattito delle Nazioni Unite la questione dei cambiamenti climatici, e di come possano minare la sicurezza della salute di tutti i cittadini, rientra tra gli obiettivi primari dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, di cui ricorre il 60° anniversario nel 2008. Il segretario delle Nazioni Unite Ban Ki Moon, nel discorso in occasione della Giornata Mondiale della Salute, ricorda la necessità di un’azione globale sul fronte della sanità pubblica e che “E’ giunto il momento di dar voce a questa realtà troppo spesso trascurata, assicurandoci che la protezione e la salvaguardia della salute umana siano inserite tra le tematiche centrali del cambiamento climatico”.Nel 1948 la prima Assemblea mondiale della salute (World Health Assembly) decide di istituire una giornata dedicata della salute in tutto il mondo. Dal 1950 la giornata mondiale della salute (World Health Day) si celebra dunque il 7 aprile, per ricordare la fondazione dell’Oms avvenuta il 7 aprile 1948. Ogni anno viene scelto per la giornata un tema specifico, che evidenzia un’area di particolare interesse per l’Oms, tutti noi speriamo che la tremenda esperienza Covid19 metta da ora in poi al centro di “tutti i giorni” la saluti di tutti, pubblica e gratuita, nessuno escluso.