Tempo di lettura: 2 minuti

E’ partita nei giorni scorsi la quinta edizione del contest “In un altro mondo”, il progetto rivolto a giovani dai 20 ai 30 anni che offre la possibilità di partecipare ad un mese di formazione al servizio degli “ultimi “nelle “periferie” del mondo.

L’esperienza di volontariato (che sarà documentata con foto e commenti quotidiani da postare sul web) verrà vissuta tra la fine di luglio e agosto in alcune opere sostenute con i fondi 8 per mille alla Chiesa cattolica.

Quest’anno, i 4 vincitori verranno inviati in Giordania, dove la Caritas si occupa dei tanti profughi provenienti da Siria e Iraq, in Madagascar nell’associazione “Educatori senza frontiere onlus”, che da alcuni anni è impegnata in progetti di formazione, in Palestina, a Betlemme, tra i tanti anziani e persone sole sostenute e accompagnate da Ats (Associazione Pro Terra Sancta) e in Brasile in un centro di accoglienza per madri e bambini dell’Associazione Maria Madre della Vita.

“E’ un’occasione in più per avvicinare i giovani al Vangelo, proponendo loro una fraternità chiamata a manifestarsi in modo molto concreto”, afferma Matteo Calabresi, responsabile del Servizio Promozione Sostengo Economico della Cei, promotore del progetto.

“Essere generosi, altruisti, disposti ad aiutare il prossimo, a donare qualcosa di proprio, compreso il tempo, non è un impegno riservato a pochi, ai più bravi, ai migliori. Lo hanno dimostrato concretamente i ragazzi ‘normali’ che hanno partecipato alle edizioni precedenti. Normali e straordinari al tempo stesso, non perché supereroi, ma perché disposti a mettersi in gioco in prima persona con sacrificio e responsabilità”.

“Inoltre – conclude Calabresi – di questa esperienza, che aiuta gli altri e arricchisce chi la vive, i 4 giovani saranno ‘testimoni’ preziosi attraverso la pubblicazione, sul sito, del materiale multimediale che avranno raccolto nei loro 30 giorni di volontariato, in quel ‘mondo’ così lontano dalla loro vita quotidiana.

Saranno infatti anche osservatori non passivi del lavoro silente di tanti volontari, sacerdoti e suore che ogni giorno si dedicano ai più poveri in nome di Gesù”.

Per iscriversi basta inviare un video in cui raccontarsi e alcune foto/reportage. Termine ultimo il 23 aprile. Tra la fine di luglio e agosto durante l’esperienza di volontariato sul campo si potranno vedere i reportage sui canali social twitter, facebook e Instagram.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *