Crema, Cremona. Per la rassegnaNonsoloturisti”, in programma a Crema martedì 17 maggio, una serata dedicata ai viaggi avventurosi  in giro con la vespa, in giro per il Mondo a 80 all’ora, con racconti e immagini di scrittori viaggiatori che racconteranno le loro emozionanti avventure.

Tre sono gli ospiti della serata: il primo “solo ideale” Giorgio Bettinelli, a cui è dedicata la rassegna. Giorgio Bettinelli nato a Crema è stato giornalista, scrittore, attore, cantautore e viaggiatore. Musica teatro e cabaret; viaggi e libri sui viaggi, tra cui il libro Brum Brum. 254.000 chilometri in Vespa, pubblicati da Feltrinelli nel 2002. Giorgio se ne è andato prematuramente, per un malore, al sud della Cina all’età di 53 anni per un malore improvviso. Lì viveva da quattro anni, sulle rive del Mekong, con la moglie Ya Pei. Stava preparando un altro libro, questa volta sul Tibet.L Capocchiano

L’appuntamento di martedì 17 maggio alle 21 della rassegna Nonsoturisti è dedicato Giorgio Bettinelli presso la Sala Alessandrini in via Matilde di Canossa a Crema. Protagonista il mondo della vespa, tanto caro a Giorgio, e dei vespisti e vedrà la partecipazione di Simone Sciuttieri di Eurovespa e di Luca Capocchiano. La serata, è moderata dal giornalista Paolo Loda.

Simone e Luca presenteranno, attraverso foto e video, le loro avventure a bordo delle loro vespe. Per entrambi lo spirito è quello di rallentare il ritmo e di conoscere senza fretta nuovi luoghi e parlare con le persone che si incontrano lungo la  strada. Forse entrambi, prossimamente, trasformeranno le loro avventure in un libro e in un documentario: anche di questo ci parleranno durante la serata.

Simone Sciutteri, ispirato dalla lettura di Brum brum, il libro di Giorgio Bettinelli, ha realizzato Eurovespa, un viaggio che tocca tutti i paesi del’Unione europea: i Balcani, coi quali, dice Simone, quelli della sua generazione hanno un debito.vespa

La Polonia sulle tracce di un bisnonno morto in un campo di concentramento, e via via tutti i paesi europei: un totale di oltre 16mila chilometri con la possibilità di entrare nel Guinness dei Primati per “The longest journey on a 50cc”. Tutto questo a bordo della sua vespa battezzata Peyton in onore di Peyton Manning, quarterback di football americano che dopo, un grave infortunio, era dato per finito e invece a 38 anni vinse il record di passaggi da touchdown.

Simone Sciutteri, 33enne di Celle Ligure, da anni fa il bagnino ad Albisola; ha pubblicato un libro di poesie e affida pensieri e racconti a un blog. Un’avventurosa spedizione l’ha portato da Varese al Camerun a bordo di una Y10.

Luca Capocchiano ha realizzato il progetto della sua vita: girare il mondo, 40000 km e 28 paesi, a bordo di una vespa d’epoca a 80 all’ora.  A partire dal 2003, appena terminati gli esami in università, Luca ha iniziato a pensare a questo progetto e per 10 anni non ha fatto altro finché un giorno, dopo essersi licenziato dalla Ferrari di Maranello, compra una vecchia Vespa a bordo di una 125 TS del 1976 dipinta di giallo, ha lasciato Genova. e parte alla scoperta del mondo. Un’avventura incredibile durata 8 mesi e 40 mila km iniziata nell’ottobre del 2014.vespa 5

Luca Capocchiano, 37 anni, è ingegnere meccanico, ha lavorato per la Ferrari e per 8 anni consecutivi nel Campionato Mondiale SBK, e ha dato vita al blog “Ilgirodelmondoa80allora.com”.

La rassegna Nonsoloturisti  è un’iniziativa in cui il piacere di raccontare esperienze di viaggio attraverso le immagini diventa un’occasione per privilegiare la dimensione culturale del viaggio, intesa come momento di scoperta, di confronto e di conoscenza – è a cura di Andreina Castellazzi ed è patrocinata dall’Assessorato alla Cultura, dall’Assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Crema, dall’Assessorato della Provincia di Cremona, dalla Regione Lombardia con la partecipazione della Biblioteca Civica di Crema. Collabora all’evento l’Associazione culturale L’Angolo dell’Avventura.

L’ingresso è libero e gratuito.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.