Tempo di lettura: 1 minuto

I giornali di tutto il mondo parlano di lui come un gigante. L’unico da battere in questo Giro d’Italia.

Scrive la Gazzetta dello Sport: “Ha affrontato le prime rampe della montagna terribile che sembrava un cavallo imbizzarrito. Ai piedi del Mortirolo, Contador aveva quasi 50” di ritardo per colpa di una foratura. La squadra, spremuta, lo aveva lasciato solo e la sua ascesa ai 1.854 metri della vetta ha assunto i contorni di una cronoscalata testarda e solitaria. Il Pistolero ha ferito il Gigante in 45 minuti e 7 secondi, rifilando 49” al secondo miglior scalatore, Steven Kruijswijk, 53” al terzo, Mikel Landa, e addirittura 2’43” a Fabio Aru.

CONDIVIDI
Macri Puricelli
Nata e cresciuta a Venezia, oggi vivo in mezzo ai campi trevigiani. Fra cani, gatti, tartarughe, tre cavalle e un'asina. Sono laureata in filosofia e faccio la giornalista da più di trent'anni fra quotidiani e web. Dal 2000 mi occupo della comunicazione on e offline di Cassa Padana Bcc e dallo stesso anno dirigo Popolis. Quanto al resto...ho marito, due figli e tanti tanti animali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *