Tempo di lettura: 1 minuto

Lucrezia e nipotina, 6 anni

Sarebbe interessante sapere quale mano la bambina ha utilizzato.

Per rispondere alla domanda di Lucrezia, nel disegno infantile le mani grandi, sproporzionate, possono avere due accezioni, una positiva ed una negativa:

  • La positiva indica desiderio di manifestazioni affettive.
  • La negativa, timore per percosse.

Risulta chiaro che una bimba che tema le percosse desideri carezze, ma il resto del disegno rivela che la piccola Autrice teme proprio per sé:

  • occhi privi di pupilla (manca la direzione dello sguardo);
  • assenza dei piedi (non radicazione nella realtà effettiva, nella praticità. L’assenza delle estremità, inoltre, rivela il timore di affrontare la quotidianità, l’incapacità di sentirsi parte del vissuto familiare, degli atteggiamenti e delle situazioni del nucleo);
  • spostamento a sinistra della rappresentazione iconica (timore del futuro).

MA:

UN SOLO DISEGNO non basta, per emettere giudizio, ancor più se il giudizio è così negativo. Molti fattori possono aver condizionato la bimba, nell’esecuzione del disegno: può essere stata appena sgridata, ripresa per un qualsiasi comportamento non accettato dal suo habitat; può aver visto maltrattamenti a cui è stato sottoposto un altro soggetto, anche in tv.

Per essere certi di questo “grido di aiuto” è indispensabile analizzare almeno altri 9 disegni, di cui cinque a tema.

Se la famiglia vuole indagare , posso, anche solo per telefono, indicare i temi dei disegni e dare altri suggerimenti.

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *