Tempo di lettura: 2 minuti

Grontardo (Cremona) – L’impegno per assicurare, con iniziative varie, la vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto e l’avvio di un fondo per la raccolta di finanziamenti che serviranno poi per iniziative di recupero, da definire con le popolazioni interessate. Queste in sintesi le linee sulle quali intende muoversi e confermate dal relatore della serata Codazzi Giulio per conto dell’Associazione “La Solidarietà” di Grontardo, della quale è Presidente il signor Adriano Galli, presente tra il pubblico.

La riunione pubblica si è svolta nella serata di lunedì 6 u.s. presso la biblioteca comunale di Grontardo, e faceva seguito al viaggio fatto a Norcia di esponenti dell’Associazione per portare materiale vario, raccolto nei mesi scorsi, a completamento dell’iniziativa avviata dall’AVIS di Pescarolo ed Uniti.

Presenti all’incontro, oltre al Presidente Adriano Galli, i volontari dell’Associazione, il relatore sull’esperienza del viaggio a Norcia, signor Codazzi Giulio, il Sindaco signora Mairino Piera, l’ex Sindaco Scaratti, per l’AVIS di Pescarolo il Vice Mariani Claudio e i consiglieri Ferrari Angelo e Tassi Ermes, per l’AVIS di Seniga il signor Mazzolini Carlo.

Dopo la proiezione di una serie di fotografie, realizzate sul posto dal volontario Gerevini Fausto, è stato proprio il Presidente Galli ad aprire la serie dei numerosi interventi, dando risalto alla necessità di muoversi con riferimento ai principi indicati dal relatore. Numerose le sfaccettature attraverso le quali si è sviluppato il dibattito, dalle esperienze di chi è andato a Norcia ed ha raccolto la voce dei residenti, in merito un contributo è stato dato anche dagli avisini di Pescarolo che già a Novembre erano stati a Norcia a portare un primo carico di materiale, alla lentezza con la quale procedono le iniziative per un avvio della ricostruzione, all’assurda situazione di edifici pubblici di recente costruzione e oggi inagibili, ai paletti che vengono posti dalla Soprintendenza, per non parlare della burocrazia, sempre più asfissiante.

La serata si è conclusa con un ringraziamento ai presenti e la riconferma dell’apertura di una raccolta fondi rinviando l’utilizzo del ricavato, a quando i tempi saranno più maturi, ma sempre in accordo però con la gente del posto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *