Tempo di lettura: 3 minuti

Pieve San Giacomo (Cremona) – L’attiva sezione dell’Associazione Nazionale Bersaglieri di Pieve S.Giacomo, intitolata alla Medaglia d’oro Tenente Giovanni Poli, ha celebrato nella giornata di domenica 14 ottobre la tradizionale festa cremisi che si è poi conclusa, dopo il pranzo presso il ristorante “la Bicocca”, con l’ammainabandiera.

La giornata era iniziata con il ritrovo presso la sede di Piazza Libertà, per il rinfresco offerto dalla sezione. Un momento che è stato anche occasione per visitare la sede dell’Associazione, in locali messi a disposizione dall’Amministrazione Comunale e ultimamente rimessi un po’ a nuovo, dice il Presidente Filippini, con la raccolta in un armadio di cimeli di un tempo. Alle pareti i numerosi gagliardetti a ricordo delle visite ad altre sezioni e, sulla parete centrale, dipinto, dalle sorelle Medola, il simbolo dell’Associazione Nazionale BersaglierI.

Favorito dalla buona situazione climatica, il riuscito il rinfresco sulla piazza, con una buona partecipazione di simpatizzanti, rappresentanze delle altre sezioni e autorità civili e militari. Tra i presenti il Vice Sindaco Fabrizio Dimone, il Sindaco di Pescarolo ed Uniti Graziano Cominetti, per il 10° reggimento Guastatori il Colonnello Giovanni Brafa Musicoro, i luogotenenti Francesco Lauria e Donato Losito, il Generale di corpo d’armata e Presidente Benemerito Nazionale, Bersagliere Benito Pochesci, il consigliere Regionale dell’Associazione Valter De Micheli con il medagliere provinciale, una rappresentanza dell’Associazione Carabinieri in congedo di Sospiro con il Presidente Scolari Andrea, i labari delle sezioni di Pieve S.G. Cremona, Casalbuttano, Stagno Lombardo e della sezione alpini Cremona Mantova, portato da Lupi Franco con l’alfiere Ghidetti Silvano.

Con le note della Junion Band dei comuni dell’unione Lombarda Oglio Ciria, diretta da Eva Patrini, si è proceduto allo schieramento sulla piazza per gli onori al Generale di Corpo d’armata Benito Pochesci, al medagliere provinciale di Cremona portato dal consigliere Egidio Oriani, al consigliere regionale e al consigliere e Segretario provinciale Laura Vacchelli, seguivano i labari delle sezioni di Pieve S.G. e Stagno Lombardo unitamente al Presidente Onorario Adelio Bonfanti, lo schieramento era concluso dai bersaglieri che, compreso l’82enne Generale Pochesci, arrivavano, tra gli applausi dei presenti al passo di corsa.

Poi si è formato il corteo che, aperto dai bersaglieri su bicicletta dell’epoca Eugenio Agati e Pietro Monbelli, seguiva la banda, la corona portata da Barbieri Ivano e Bodini Bruno, il tricolore portato, sul cuscino rosso, da Laura Vacchelli, una composizione floreale portata dalla signora Oriani Rina, ha sfilato per le vie del paese, fermandosi poi davanti al monumento del bersagliere per la cerimonia dell’alza bandiera accompagnata dall’accensione dei fumogeni tricolori.

Dopo la Santa Messa, con il ricordo da parte del celebrante Don Alfredo Valsecchi, per le tante vite umane perse nel desiderio di garantire il futuro a chi sarebbe venuto dopo di loro, la cerimonia si è conclusa con la lettura, da parte del Presidente Filippini della preghiera del bersagliere. Successivamente è stato posato un mazzo di fiori al monumento ai Caduti e la corona al monumento del bersagliere, momento completato dalla benedizione da parte del Parroco.

Dopo un intervento del Vice Sindaco Dimone, ha concluso la cerimonia il Generale di Corpo d’armata Pochesci che oltre a ringraziare gli organizzatori della cerimonia e tutti i presenti per l’entusiasmo genuino che ha animato la bella mattinata, ha ricordato i caduti e la vittoria della prima guerra, ma un ricordo particolare l’ha rivolto ai caduti di tutte le guerre e anche a quelli caduti in missione di pace, citando tra questi il maggiore La Rosa caduto in Afghanistan.

Il clima cordiale genuino della mattinata si è poi ritrovato attorno alla buona tavola, con l’assegnazione, alla fine del pranzo di riconoscimenti vari tra i quali il premio “E. Catenazzi” a ricordo del fondatore della sezione nel 1965, per meriti associativi al 95enne Ferrari Natale, un attestato regionale di benemerenza a Soregaroli G. Carlo e per la fattiva collaborazione, attestati a Valenti Cecilia e di Presidente Onorario a Adelio Bonfanti.

Pergamene sono state poi consegnate a tutti coloro che hanno collaborato nei lavori di sistemazione della sede, unitamente a due quadretti alle sorelle Medola e riportanti il simbolo dell’Associazione, oltre ad uno scambio di ricordi della giornata, tra la sezione e gli ospiti. Una bella giornata ricca di valori che andrebbero maggiormente messi in risalto e evidenziati ai giovani, nella scuola, ma soprattutto nell’ambiente famigliare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *