Tempo di lettura: 3 minuti

Una mattinata speciale quella che la sezione dei Bersaglieri di Pieve San Giacomo ha offerto ai propri cittadini domenica 13 ottobre, completata nell’esaltazione dei valori che rappresentava dalle note del corpo bandistico di Scandolara R.O.

La mattinata è iniziata presto, con il rinfresco allestito in piazza Libertà, davanti alla sede della sezione e il ricevimento, da parte del Presidente Bersagliere Roberto Filippini, degli ospiti militari, civili e delle rappresentanze delle sezioni del territorio.

A regolare la viabilità il vigile Nevio Savi. Tutto il cerimoniale è stato ordinato nei vari momenti in modo impeccabile, dal Bersagliere Massimo Malaggi. Verso le 10,30 tutti si portavano in piazza Volontari del sangue per la resa degli onori. Per primi i Bersaglieri Pietro e Ezechiele in bicicletta, seguiti dal corpo bandistico, dai bersaglieri che portavano la corona e i fiori, dalle donne cremisi con lo striscione.

Da quel momento è iniziata la resa degli onori aperta dal labaro storico della sezione seguito da Emilio Pincella, che con i suoi 89 anni è il bersagliere più anziano tra i presenti. Ai suoi lati invece, le forze più giovani della sezione: le sedicenni Elisa e Maddalena Medola. Seguivano poi il labaro del Nastro Azzurro accompagnato da Paola Bosio, il tricolore ufficiale seguito dai Sindaci di Pieve S.G. Silvia Genzini, di Malagnino Donato Losito e di Pescarolo ed Uniti Graziano Cominetti, per l’esercito sfilavano il Luogotenente Francesco Lauria e il Comandante del 10° Rgt Genio Guastatori Colonnello Giovanni Brafa Musicoro e in chiusura, annunciati con tre squilli di Tromba, arrivavano di corsa, il Presidente Onorario Nazionale dell’ANB, il Generale di Corpo d’armata Bersagliere Benito Pochesi (84 anni) il consigliere Nazionale Bers. Giuseppe Morelli, il Consigliere Regionale Bers. Valter Demicheli, il medagliere provinciale portato dal consigliere provinciale Egidio Oriani con il Vice Presidente Giuliano Gandolfi e il consigliere provinciale Laura Vacchelli .

Poi si formava il corteo, che, percorrendo le vie Patrioti, Del Curato, Baldocchi, Garibaldi si concludeva nella piazza del Bersagliere per la cerimonia dell’alza bandiera, con la presenza anche del Parroco e che avveniva contemporaneamente all’accensione dei fumogeni tricolori.

Poi tutti in chiesa per la Santa Messa. All’uscita le fasi finali della cerimonia con la posa di una confezione di fiori al Monumento dei Caduti e la corona a quello dei Bersaglieri. Dopo gli interventi del Sindaco Genzini e del Presidente Filippini , l’intervento del Generale Pochesci che, con vigore e determinazione ha esaltato i valori di questa giornata, “il ricordo dei Caduti e la libertà che ci hanno dato, lo sforzo quotidiano dei tanti nostri militari sparsi nel mondo nel nome della pace, considerato che purtroppo l’uomo con è ancora abbastanza saggio dal comprendere l’inutilità di sacrificare vite umane per un pezzo di terra e per questo rivolgo un accorato appello perché tutti si impegnino nell’abituare i giovani alla pace“.

La mattinata si è poi conclusa presso il Ristorante Bicocca per il tradizionale pranzo, con momenti importanti per alcuni riconoscimenti.. Da parte della sezione, l’assegnazione del premio “Catenazzi“ alle giovani Elisa e Maddalena Medola e da parte della Regione, un ”Attestato di Merito“ a Laura Vacchelli. Da parte delle giovani, omaggi sono andati al Generale Pochesci: da parte di Maddalena un quadro raffigurante lui e la moglie, alla quale invece Elisa, ha offerto un omaggio floreale.

CONDIVIDI
Giampietro Masseroni
Classe 1940. ex sindaco di Pescarolo, appassionato estimatore del proprio territorio, del quale conosce- e riporta- vita, morte e miracoli...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *