Tempo di lettura: 2 minuti

Pieve San Giacomo (Cremona) – Nella mattinata di domenica 15 ottobre la comunità di Pieve San Giacomo ha celebrato la ricorrenza dell’annuale Festa Cremisi, organizzata dalla locale sezione dei Bersaglieri, intitolata al Tenente Giovanni Poli, mentre era il Presidente Adelio Bonfanti ad accogliere gli ospiti unitamente al Segretario Malaggi Massimo (Presidente della sezione di Pescarolo ed Uniti) impegnato nella parte organizzativa.

Ammirevoli e degni del massimo rispetto, per l’orgoglio, lo spirito d’arma e l’attaccamento ai valori rappresentati, con il quale questi, non più giovanissimi signori, portavano il cappello piumato e scattavano sull’attenti al suono dell’inno nazionale e alle note del silenzio suonato dal bravissimo trombettiere Davide Varoli, tutto questo dava seguito ad una inevitabile commozione unitamente ad un grazie ai bersaglieri, per le emozioni che abbiamo provato anche noi, assieme a tanti cittadini.

La mattinata è iniziata con il raduno dei bersaglieri, amici e simpatizzanti, presso la sede in piazza Libertà, con il rinfresco organizzato presso il locale Centro Anziani. Oltre ai Sindaci di Pieve San Giacomo, Genzini Silvia, e di Pescarolo, Cominetti Graziano, erano presenti il consigliere provinciale Giuliano Gandolfi, delegato dal Presidente, assente per altri impegni, con il medagliere (decorato di due medaglie d’oro, 40 d’argento e 60 di bronzo), il consigliere della sezione provinciale di Mantova Giorgio Grossi, il labaro della locale sezione, portato da Donini Mario, oltre ai labari delle sezioni di Casalbuttano, Stagno Lombardo e Piadena, portati dai rispettivi Presidenti, Ilvano Chiodelli, Negri Romeo e Davide Bastoni, la Vice Presidente della sezione di Pescarolo e consigliere provinciale Vacchelli Laura. Con bandiera il Presidente della sezione carabinieri in congedo di Sospiro e coordinatore provinciale, Andrea Scolari.

Il corteo si è poi mosso, aperto dai bersaglieri in bicicletta Agati Eugenio e Monbelli Pietro, al seguito altri portavano la corona e un mazzo di fiori, il tricolore portato su un cuscino rosso da Vacchelli Laura, i due Sindaci, i labari, lo striscione con la scritta ”viva I bersaglieri” e il bandierone e, attraversando la piazza, si è portato al monumento al bersagliere. Dopo l’arrivo di corsa dei fanti piumati con i rispettivi labari, si procedeva all’alza bandiera. Seguiva, da parte del Presidente, la posa dei fiori al monumento e la benedizione a cura del Parroco Don Alfredo Valsecchi.

Poi il corteo si dirigeva in chiesa per la Santa Messa che si concludeva con lettura, da parte del Presidente Bonfanti, della preghiera del bersagliere. All’uscita il corteo, aperto dal Parroco e dai chierichetti si dirigeva verso il monumento ai Caduti dove si procedeva alla posa della corona, alla benedizione da parte del Parroco e al discorso di chiusura del Sindaco.

La giornata proseguiva poi per i bersaglieri e simpatizzanti con il pranzo presso il ristorante la ”Bicocca” durante il quale è stato consegnato, come ogni anno in ricordo dell’ex Presidente Ermanno Catenazzi, un riconoscimento a Vacchelli Laura per l’impegno a favore dell’Associazione Bersaglieri e la tessera di socio onorario al Sindaco Silvia Genzini.

CONDIVIDI
Giampietro Masseroni
Classe 1940. ex sindaco di Pescarolo, appassionato estimatore del proprio territorio, del quale conosce- e riporta- vita, morte e miracoli...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *