Tempo di lettura: 2 minuti

Mi scrive Giaele, maschio, 4 anni, mano destra

disegni_giaele

Nei disegni sono presenti elementi grafici molto più maturi dei 4 anni. Forse qualche interferenza ?

Disegno della Famiglia:
GIAELE sa di essere amato, ma si sente, comunque, molto solo. Sente distanti i genitori ed ha corrispondenza con una ragazzina (forse la sorella maggiore?) che sente vicina ed amabile. Ragazzina che il bimbo pensa avere molto in comune con la Madre, così come GIAELE stesso ha forte processo imitativo nei confronti del Padre. Vorrebbe essere come lui, seguirlo sempre, stargli accanto e fare tutto quello che fa lui. Desideroso di manifestazioni affettive, di gioco e di correlazione, questo bimbo, nella tavola iconica, “sgrida “ i genitori e li invita ad essere più presenti, più teneri con i propri figli che tanto hanno per loro ammirazione. Rappresentando i personaggi, il piccolo autore dice di sé che è un po’ aggressivo; che la sorella è molto bella; che il Padre è troppo spesso fuori casa; che la Madre è angelo del focolare, ma non abbastanza. Più severa di tutti è Mammà. Più intelligente del nucleo familiare, Papà (anche se più portato ad ascoltare gli altri, rispetto ai consanguinei). GIAELE è già capace di capire quale è il suo habitat, cosa gli conviene e cosa non gli conviene fare/esprimere. Ma sa anche di essere un po’ pestifero e di non essere all’altezza delle aspettative familiari.

Le tre case
Questo disegno è importantissimo, perché ripercorre e conferma quanto espresso nel precedente:
– Desiderio di affettuosità epidermiche da parte degli adulti (ma anche un po’ di timore, nell’essere oggetto di attenzione: e qui sarebbe interessante andare un po’ più a fondo, nell’indagine, chiedendo al bambino di effettuare altri disegni, su tema indicato)
– Carattere tenace, fino ad arrivare alla testardaggine
– Reattività
– Forza ed iperattività, con bisogno di muoversi, anche se in modo non armonioso
– Bisogno di “nido”
– Grande desiderio di “capire” GIAELE non è facile da gestire…ma può essere simpatico e piacevole, se inserito in un contesto gioioso.

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *