Tempo di lettura: 3 minuti

Mi scrive Sundari, femmina, anni 7, mano destra

disegni_sundari

LA CASA: Forte senso dell’Io, orgoglio e sicurezza dell’essere amata dall’ambiente. La ragazzina si sente trattata come un’ adulta, e sa che le viene richiesto di comprendere meglio ciò che accade attorno a lei: ma vede e sente cose a cui non sa dare spiegazione soddisfacente. Avrebbe molte domande da porre, ma teme le risposte. Nonostante la sua sicurezza di essere amata, sente di essere in posizione di svantaggio, rispetto alla vita.

LA CASA IN PRIMAVERA: Nei confronti dei coetanei, il soggetto ha due comportamenti ambivalenti. Desidera essere considerata ed ammirata e vorrebbe essere leader, ma non riesce ad aprirsi, a comunicare come vorrebbe. Molto selettiva nello scegliere le compagnie, dovrebbe frequentare più gruppi, crearsi una cerchia di amicizie anche extra scuola, per essere serena. Ottima cosa l’invitare i compagni o i conoscenti coetanei, per giocare insieme, in casa, sia materna, sia paterna. E’ consigliato l’intervento iniziale dell’adulto, per rompere il ghiaccio.

LA CASA VICINA ALL’ACQUA: Il rapporto con la madre è sentito come accogliente, anche se un po’ tarpante. Bellissima la contemporanea presenza di acqua (=madre) e di monti (= padre). Segno che la bimba desidera, come del resto tutti i figli di separati, che la famiglia si riunisca e che il nucleo ritorni compatto. Desidera pure, dalla madre, una comunicazione più fattiva e con dimostrazioni d’affetto anche plateali: necessita di coccole in misura maggiore, rispetto ai coetanei, perché – ma è nella norma – la separazione impone spostamenti, scissioni, cambiamenti che vanno compensati con rassicurazioni.

LA CASA VICINO AI MONTI: Stessa comunicazione della tavola precedente: la bimba desidera compattezza del nucleo familiare; sa che i genitori le vogliono bene, ma vorrebbe manifestazioni affettive ancora più evidenti: non regali, ma accoglienza. Sia il padre, sia la madre sono vissuti come accoglienti, ma non giocosi. SUNDARI ha, invece, “bisogno” di allegria, di confusione giocosa, di espressioni gioiose. A questo proposito , è bene ricordare che la condizione di genitore separato porta ad un cambiamento notevole nei ruoli: la madre deve, necessariamente, essere un po’ padre, un po’ più severa, un po’ più tarpante ed il padre un po’ più morbido, dolce. In pratica, in ognuno dei genitori separati è necessario il doppio ruolo, per ben educare i figli.

LA CASA E I SUOI ABITANTI: La casa è un castello e gli abitanti sono rappresentati da due donne, tutte alla destra del foglio. Il castello è, simbolicamente, la difesa. Difendersi dagli assalti del mondo, scappare da una realtà che non piace; non essere considerata più adulta: ecco il significato di questo disegno. Diviene giocoforza far sì che la bimba divenga più serena, più allegra; che viva la sua età e non venga considerata più matura, più capace di comprendere una situazione che non le piace e che le sta pesantemente addosso.

Per quanto riguarda i “baci sulla bocca”, questa deprecabile abitudine può avere due cause: una, la TV e le trasmissioni becere. Due, il correlare il bacio col “voler bene”. Una manifestazione, dunque, di affetto. In ogni caso, è meglio che non accada. Non è igienico e non è educato, oltre a non essere coerente con l’età del soggetto.

Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.