Tempo di lettura: 1 minuto

Cremona. La potente famiglia dei Gonzaga, signori di Mantova, hanno lasciato sul territorio mantovano e cremonese ville, palazzi, corti, borghi; il più delle volte incorniciati da splendidi giardini che ancora esaltano le gentilizie dimore.

Sui giardini ne è scaturito un vero e proprio progetto di ricerca, studio storico, recupero e restauro di un patrimonio che nei territori di Mantova e Sabbioneta è valso nel 2008 l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Il progetto di ricerca: “I giardini dei Gonzaga. Un progetto di ricerca per lo studio e la conservazione”, confluiti in volumi: “I giardini delle piccole capitali gonzaghesche” a cura di Claudia Bonora Previdi e “I giardini dei Gonzaga di Vescovato” a cura di Marida Brignani verranno presentati venerdì 22 marzo alle 16,30 presso la Biblioteca Statale di Cremona nella sala Virginia Carini Dainotti”. Interverranno le curatrici dei volumi e Irma Paglierini,  dirigente Settore Servizi Educativi, Archivi, Biblioteche e Ufficio UNESCO del Comune di Mantova.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *