All’inizio del mese è ancora possibile piantare le piantine biennali: è necessario che riescano ad approfondire le radici prima del gelo. Tra le più decorative ricordiamo le viole del pensiero, le primule e le margheritine.
Si può cominciare a progettare le nuove aiuole.

E’ necessario proteggere gli arbusti, i sempreverdi più sensibili al freddo, per evitare che imprevisti abbassamenti di temperatura possano creare danni: avvolgeteli in teli di tessuto e sul terreno mettete uno strato di torba o corteccia di aghifoglie.

Ricordatevi di coprire la Peonia, l’Aster perennis e il Lupinus; riparate anche i tuberi di agapanto, mettendo uno strato di protezione sul terreno.

Non scordiamo che anche dicembre porta con sé arbusti e alberi in fiore: Viburnum fragrans, Hamamelis Mollis, Prunus Subhirtella. Fra i sempreverdi abbiamo l’Arbutus Unedo che si copre di fiorellini bianchi simili al mughetto e di bacche rosse commestibili e il Viburnum Tinus che presenta dei fiorellini bianchi sino a primavera.

Oltre agli arbusti fioriti possiamo trovare anche i frutti rossi dell’Ilex Aquifolium e dell’Aucuba japonica. E’ il periodo ottimale per piantare alberi e arbusti a foglia caduca.

In questo periodo inizia in casa la fioritura delle bulbose preventivamente preparate nei mesi di settembre e ottobre in coltura forzata. Possiamo ancora piantare specie a fioritura primaverile (tulipani e narcisi): con una scelta ben fatta delle varietà ci consentirà una fioritura scalare. Controlliamo i bulbi da piantare, eliminando quelli deteriorati.

In casa spostiamo le piante nel luogo più luminoso, riparato dai raggi diretti del sole e allontaniamole dalle correnti d’aria. Spruzzare ogni tanto le foglie delle piante per aumentare il tasso di umidità. Evitare sempre i ristagni d’acqua nei sottovasi per prevenire i marciumi dell’apparato radicale.