Tempo di lettura: 3 minuti

LENO (Brescia) – Quando l’aria diventa pungente, i caminetti riscaldano le giornate e le strade iniziano ad illuminarsi di luci e colori, arriva nel cuore di ognuno di noi la magia del Natale! Le decorazioni, le musiche e la magica atmosfera che sono il Natale sa donare riportano ognuno di noi ai meravigliosi giorni dedicati allo stare insieme, alla famiglia, agli affetti ed ai ricordi più cari.

Domenica 1 dicembre, nella dolce atmosfera natalizia che caratterizzerà il centro storico e Villa Badia di Leno, la ProLoco di Leno, in collaborazione con Fondazione Dominato Leonense e Cassa Padana Bcc, propone “Natale è… la magia dell’attesa”. Dalle 10.00 alle 18.00 in piazza Cesare Battisti a Leno gli artigiani locali, le associazioni di volontariato e gli artisti del territorio proporranno tutta la loro varietà di originali idee regalo: decorazioni natalizie per le tavole dei giorni di festa, addobbi e oggetti in ceramica e vetro, saponi artigianali, candele, presepi, ghirlande, angioletti, bambole fatte a mano.

Un’infinità di idee per tutte le tasche da mettere sotto l’albero, ma soprattutto un’ottima alternativa per fare acquisti natalizi a misura d’uomo che potranno sostenere tante piccole realtà del nostro territorio. Un appuntamento ormai entrato nella tradizione natalizia della bassa bresciana, dove poter acquistare oggetti di lavorazione artigianale e comperare prodotti enogastronomici di qualità. Passeggiando tra le bancarelle, sarà possibile degustare le tradizionali caldarroste cotte sul fuoco, ed il vin brulé, preparate dal Gruppo Alpini di Leno, ed assaporare le dolcissime frittelle, accompagnate da un buon tè o da una cioccolata calda, preparate dalla Croce Bianca del Dominato Leonense di Leno.

Nel corso della giornata, alle 10.30 si terrà in Villa Badia la presentazione del piano dell’offerta formativa dell’Istituto Superiore “V. Capirola”. I docenti dell’istituto lenese saranno a disposizione per illustrare il piano formativo triennale dell’istituto lenese, per aiutare genitori e studenti delle scuole primaria di secondo grado a orientarsi tra le molteplici proposte di studio.

Nel pomeriggio, alle 15.30 in Villa Badia si terrà la premiazione del concorso fotografico “Quando si rimembra del tempo andato,e ‘n dietro non si torna“,  promosso dal Gruppo Fotografico Lenese e dal Gruppo medievale “…in illo tempore” di Leno nel corso della manifestazione “All’ombra dell’abbazia” svoltasi lo scorso 27 e 28 settembre.

Alle ore 16.00 in Piazza Cesare Battisti, giochi ed animazione a cura di “Ronzinante. La ludoteca vagante” che, a bordo del loro ludobus, proporranno intrattenimenti ed attività per grandi e più piccoli.

Alle 18.00, a conclusione della giornata, l’appuntamento sarà con il divertentissimo apericena con delitto “Chi ha ucciso Nero Wolfe?”, portato in scena dalla compagnia Anubisquaw nel salone di Villa Badia. Un doppio omicidio misterioso in cui sarà coinvolto Nero Wolfe, dietro cui si nascondono spie, nomi in codice e vendette. Una serata tutta da ridere, gustando un buonissimo aperitivo, in cui il vero protagonista sarà proprio lo spettatore, che dovrà mettere alla prova le proprie doti da detective per individuare l’assassino e il movente del delitto. Il costo è di 20 euro e il ricavato sarà devoluto all’AGE – Associazione Genitori di Leno per progetti di solidarietà sul territorio. Prenotazioni al num. 331-6415475 oppure via mail a info@fondazionedominatoleonense.it

Durante tutta la giornata, nelle sale e nei sotterranei di Villa Badia sarà possibile ammirare la mostra “I fantastici anni ’60 / ’70!”, un viaggio a ritroso nel tempo per rivivere la quotidianità della vita di un ventennio che ha cambiato per sempre valori, aspirazioni e stile di vita delle future generazioni. Sono gli anni in cui si affermano i media, la cultura pop e la minigonna, con movimenti, grandi cambiamenti e rivoluzioni che hanno portato ad una vera e propria esplosione culturale. Sono gli anni nei quali gli italiani scendono nelle piazze per manifestare i loro ideali politici ed esprimere il proprio dissenso. Sono gli anni delle grandi contestazioni giovanili, della cultura di massa, del proletariato e di nuove esigenze:ferie e viaggi, tempo libero, letture, musica e tv a colori. In mostra, oggetti e fotografie che hanno caratterizzato la quotidianità di un’epoca diventata, oggi, storia.

L’ingresso alla mostra, a cura di Lucio Rizzi, Emilia Marazzi e Giacomina Morandi, è gratuito.

CONDIVIDI
Marco Sacchi
Bresciano di origine e residenza, frequenta l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Piacenza dove si specializza in Economia aziendale. Dal 2011 in forza presso la Fondazione Dominato Leonense di Leno, dove promuove la storia del Monastero benedettino “Ad Leones” e attività di promozione del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *