Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. È Palazzo Azzolini sede dell’Associazione Artisti Cremonesi ad ospitare la mostra personale di Paride Pasquali “I miei paesaggi”, dall’8 al 24 novembre, la mostra è sostenuta da Cassa Padana.

Il pittore espone una rassegna di opere a tema paesaggistico, lasciandosi ispirare e emozionare dal contesto locale l’artista racconta il territorio cremonese fra sponde silenziose del fiume Po e distese di campi talvolta dorati dalla presenza del sole, talvolta nascosti dal manto della nebbia.

Caratteristica peculiare di Pasquali è la capacità dare alla tela acquarellata un effetto fotografico che immerge l’osservatore in un mondo al tempo stesso fatto di realtà e di sogni, di un tempo che per un attimo si ferma in contemplazione della natura. Inaugurazione venerdì 8 novembre, ore 18.

Originario della zona del casalasco, Paride Pasquali, ha studiato presso l’istituto “P. Toschi” di Parma, dove si è diplomato maestro d’arte in grafica pubblicitaria. Ha collaborato negli anni 70 con l’Emiliana Parati, ditta leader nella produzione di carte da parati, per la quale ha curato molteplici collezioni in Italia e all’estero, studiandone i disegni, le colorazioni e seguendone tutti i processi di stampa.

Nel decennio successivo ha poi avviato un’attività propria, lavorando prima con importanti aziende del settore dell’arredamento per la casa, per poi passare al settore dell’abbigliamento, dell’intimo, della moda mare e del packaging. Negli anni ha continuato a coltivare la sua passione per la pittura, affinando la propria tecnica, attraverso una sfida continua con se stesso. Ha allestito diverse mostre nel casalasco, con positivi riscontri di pubblico e critica.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *