Tempo di lettura: 3 minuti

[quote_box_center]Il teatro come cibo per la mente e il corpo[/quote_box_center]

Questa è la chiara intenzione di Solimano Pontarollo e di Fabio De Rossi; il presidente di Casa Shakespeare e il proprietario del Panificio De Rossi offrono quello che sanno fare meglio e lo mettono a disposizione degli ospiti di Cantina Shakespeare. Si entra dal Panificio e si accede allo Spazio Off. Pane e teatro. Pane e musica. Pane e arte. Pane e…Per questo il pane è servito con lo spettacolo e lo spettacolo è servito con il pane.

 Per gli spettacoli serali, l’appuntamento è alle 20.30 con le specialità del Panificio De Rossi che vengono  abbinate ai vini di rinomate cantine veronesi e alle 21.15 inizia lo spettacolo. Gli spettacoli pomeridiani invece iniziano alle 16 e alla fine si fa merenda con the caldo e la pasticceria artigiana del Panificio De Rossi.

La Rassegna autunnale di Cantina Shakespeare – Spazio Teatrale Off, patrocinata dal Comune di Verona, apre il week end con il teatro del venerdì, prosegue con la musica del sabato sera e chiude con il teatro ragazzi della domenica pomeriggio.

Lo Stupro di LucreziaVenerdì 27 novembre ospita la Compagnia NeedTeatro con “Lo stupro di Lucrezia”. In scena Katia Mirabella e Jacopo Squizzato. Visto che per il 27 è già tutto esaurito, Casa Shakespeare ha organizzato uno spettacolo straordinario il 9 dicembre sempre alle ore 21,15.
Lo stupro di Lucrezia e Venere e Adone sono due poemetti gemelli scritti da William Shakespeare. Oltre ai Sonetti sono le uniche opere del bardo pubblicate da lui stesso. Lo stupro di Lucrezia, pubblicato nel 1594, un tragico notturno canto, immerso in una livida oscurità caravaggesca, squarciata dalla luce di una torcia. In Shakespeare la voce di Lucrezia si dilata e diviene uno dei più alti esempi di meditazione sulle conseguenze dello stupro visto da parte di una donna.

Attraverso un’ingegnosa serie di lamentazioni, introspezioni, allegorie, invettive contro il tempo, la notte e l’occasione, in una descrizione di un quadro di argomento troiano in cui l’assedio e l’espugnazione della città diviene specchio della sua violazione, Shakespeare dispiega la sua potentissima lingua con una specie di equilibrio incantatore che ci inghiotte nella musica delle parole senza concederci una qualche sospensione liberatoria.

Sabato 28 novembre è il momento della musica con Fabio Basile: Chitarrista, Bassista, Computer Music. Durante la serata è ospite anche Patrick Girard (direttore artistico della sezione musica della Rassegna) e ci proporranno contaminazioni balcaniche, post-rock, ballate rétro, improvvisazione, chitarre con effetti e voce.

Capitani coraggiosiDomenica 29 novembre è in programma lo spettacolo Capitani Coraggiosi con con Lorenzo Bassotto e Roberto Maria Macchi. Una scena evocativa, due attori e un musicista creatore di effetti sonori. La storia viene raccontata e vissuta da due narratori che di volta in volta prendono anche i ruoli dei personaggi che vanno a far rivivere sulla scena. Una tecnica di narrazione che si può definire ‘in diretta’. La voce dei due attori dà di volta in volta la parola ai personaggi del racconto creando una apparente ed effimera moltiplicazione delle immagini e dei protagonisti producendo una sensazione di pienezza. Lo spettatore assiste alle avventure del peschereccio “We’re here” convinto che sul palcoscenico si presentino tutti i protagonisti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *