Tempo di lettura: 3 minuti

a cura di Dino Telò

Jeffery Deaver, ex avvocato e ormai scrittore a tempo pieno, è considerato il degno successore di Thomas Harris. The Times lo definisce “il più grande scrittore di thriller dei nostri giorni”. La caratteristica principale dei libri di Deaver è che quando il racconto sembra finito…il libro continua!
Ecco alcuni dei suoi capolavori.

IL SILENZIO DEI RAPITI
Ed.Sonzogno – pp.430
Tre uomini evasi dal penitenziario sequestrano un bus con 8 bambine sordomute, lungo una strada del Kansas. Inizia l’incubo del riscatto in un mattatoio abbandonato nelle vicinanze. Il pluriomicida Lou Handy detta le condizioni: ucciderà un ostaggio ogni ora se le sue richieste non verranno soddisfatte!
L’agente Potter dovrà immedesimarsi e ragionare con la mente del criminale e, nelle dodici ore di duello psicologico tra il poliziotto e il sadico Handy, il lettore rimarrà col fiato sospeso fino al colpo di scena finale.

IL COLLEZIONISTA DI OSSA
Ed. Sonzogno – pp.447
…”Il mio è uno scopo nobile, e non riesco nemmeno a concepire che qualcuno possa aver da dire. Ho fatto una gentilezza a tutti loro. Ora sono immortali. Li ho liberati, li ho ridotti all’osso…
Lincoln Rhime, penalista costretto all’immobilità da un incidente che lo ha completamente paralizzato è l’unico che può sbrogliare la matassa di un caso che si presenta molto complesso.
Sepolta sotto un vecchio binario abbandonato nel West Side di New York è stata rinvenuta una mano…L’efferato assassino sceglie le sue vittime e si accanisce su di loro “riducendole all’osso”. La nuova incarnazione del “Collezionista” considera le ossa la parte più nobile del corpo, quella che non deperisce, quella immortale!
Lincoln è l’unico che può decifrare gli indizi lasciati per poter salvare la vittima successiva. Un conto alla rovescia appassionante che, in settantadue ore di suspence, porteranno al sempre imprevedibile colpo di scena finale.

LO SCHELETRO CHE BALLA
Ed. Sonzogno – pp.413
Il macabro tatuaggio sul braccio identifica un killer particolarmente abile nel cambiare identità che, con spietata efferatezza, taglia le mani alle proprie vittime.
Lincoln Rhime, aiutato dalla bellissima poliziotta Amelia Sachs, ha 48 ore di tempo per tendere all’assassino una trappola micidiale. L’assassino riuscirà ad evitarla e trascinerà, come sempre, il lettore in una sequenza di colpi di scena fino all’ultimo raffinato inganno che lo scheletro che balla ha teso all’astuto detective nei sotterranei della metropolitana di N.Y.

LA LACRIMA DEL DIAVOLO
Ed. Sonzogno – pp.411
Il Becchino è in città . Il Becchino assomiglia a me , cammina lungo le strade fredde e tristi proprio come camminerebbe chiunque altro, nessuno si accorge di lui. Il suo volto è bianco come il cielo del mattino. Oppure scuro come l’entrata dell’Inferno”.
Capodanno 2000. La morte è nelle strade di Washington. Il Becchino può essere chiunque e nessuno. L’ordine di uccidere arriverà ogni 4 ore…e lui ucciderà, si mescolerà con la folla e sparerà 100 colpi a casaccio! E dopo 4 ore ancora, e poi ancora, e ancora…
L’uomo che lo comanda, l’unico che può fermarlo, muore mentre ritira i 20 milioni di dollari richiesti per bloccare l’assassino. Ora nessuno può fermare il Becchino…L’unico indizio è la lettera di riscatto ricevuta dal sindaco di N.Y. Riusciranno i puntini a forma di lacrima sulle i a svelare l’identità del killer? La vita di decine di persone è nelle mani dell’affascinante agente Lukas e di Parker Kinkaid, esperto calligrafo dell’ FBI.

CONDIVIDI
Redazione di Popolis
Ci trovate a Leno, in piazza Dominato Leonense. Venite a trovarci. Per contattarci scrivete a: info@popolis.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *