Isorella (Brescia). Ancora pochi giorni: si chiude il  21 agosto la mostra personale di Mario De CarolisCostellazioni.Il “progetto” si presenta come una grande installazione pittorica e foto-grafica. A 10 ritratti, realizzati in grafite su tela 100 x 100 cm, di donne e uomini che hanno segnato la sua formazione culturale ed emotiva, l’artista ha assegnato costellazioni immaginarie realizzate con carbone, stagno e fili di seta.

de carolis - voltoIl progetto Costellazioni e’ stato pensato e realizzato per rispondere con le immagini a una domanda dei propri figli: “dove va a finire il Nonno che non scende più a cenare, lascia la sedia vuota di sguardi, il piatto senza una storia da raccontare e un ricordo da celebrare?”.

“Costellazioni” e’ una mostra-progetto che non ha fine, una galleria infinita di volti. Qua e là, alcuni ritratti foto-grafici “rintracciati” con spilli d’acciaio simboleggiano le costellazioni future ma anche tutte le persone, i visi e gli sguardi che quotidianamente l’autore incontra e ricamano la sua vita. In questo firmamento di vite luminose e’ stato collocato anche il Nonno.