Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Dichiarato dall’UNESCO patrimonio immateriale dell’umanità, il canto è una delle meraviglie espressive dell’arte, l’Italia è patria anche di questo patrimonio e la voce di Beniamino Gigli è un esempio melodico.

Al teatro Filodrammatici venerdì 16 febbraio alle ore 17 una serata dedicata alla voce del grande tenore, una rievocazione attraverso i grammofoni originali di Chàntera del museo della Radio di Verona e un programma del Bel Canto di Beniamino Gigli con le voci di cantanti e musicisti, ospiti della serata. Ingresso libero.

Beniamino Gigli nacque a Recanati il 20 marzo 1890. Figlio di un calzolaio che faceva anche il campanaro del Duomo, Gigli mostrò subito grandi attitudini per il canto e fu accolto nel Coro dei Pueri Cantores della Cattedrale. Fino ai 17 anni fece vari mestieri per vivere. Cominciò a studiare il canto con il maestro Quirino Lazzarini, organista e direttore del Coro della Santa Casa di Loreto, dopodiché, vincendo nel 1911 un concorso per una borsa, si poté iscrivere a Roma al Liceo musicale di Santa Cecilia sotto la guida di Enrico Rosati.

Gigli fece il suo debutto nel ruolo di Enzo nella Gioconda di Amilcare Ponchielli al Teatro Sociale di Rovigo il 15 ottobre 1914, dopo aver vinto un altro concorso di canto a Parma. Da lì la carriera di Beniamino Gigli fu tutta in ascesa, portandolo ad interpretare pressoché tutti i principali ruoli tenorili dell’opera.

Partecipano:

Il Duo Bel Canto Italiano
Astrea Amaduzzi, soprano
Mattia Peli, pianista

Centro Studi Vocali di Cremona
Don Claudio Corbani, baritono
Lorenzo Marvin Piovani, pianista
Stefano Ginevra, tenore

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *