Tempo di lettura: 2 minuti

Parma. L’emergenza sanitaria ha soffocato qualsiasi iniziativa culturale e mostre anche in ampi ambienti, ecco che in centro città hanno trovato una soluzione: sotto i Portici del Grano è allestita la mostra fotografica all’aperto realizzata dalla LIPU.  “Il Cambiamento” è un breve viaggio raccontato dalle immagini di Michele Mendi che ci mostra alcune meravigliose specie di uccelli presenti nel territorio, dalla città alle vette dell’Appennino, in una chiave narrativa che è naturalistica ma anche relazionale, sociale, culturale, storica. La mostra, con il sostegno del Comune di Parma, resterà visibile fino al 31 dicembre.

Si tratta di una mostra fotografica sul tema degli uccelli selvatici inseriti nel contesto concettuale del “cambiamento”: cambiamenti climatici, cambiamenti nel patrimonio naturale, cambiamenti spesso negativi che determinano crisi anche gravi ambientali e richiedono un tipo di cambiamento di segno inverso: quello del nostro modo di trattare la natura, averne rispetto anche per preservarla per le generazioni future.

La forza e la bellezza delle immagini e dunque la bellezza del mondo degli uccelli selvatici, che vivono negli ambienti naturali, nelle nostre campagne e città, dunque anche intorno a noi, e rappresentano degli indicatori speciali dello stato di salute della Terra e della sostenibilità delle nostre pratiche. I cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità, il consumo senza limiti di natura rappresentano un mutamento profondo delle caratteristiche del nostro Pianeta.

Ci sono uccelli che stanno modificando le modalità e i tempi della migrazione, altri che anticipano il periodo della riproduzione, altri ancora – come il Falco pellegrino nidificante sulla cupola del Correggio nella Chiesa di San Giovanni Evangelista di Parma – che hanno cambiato l’approccio verso i centri urbani e gli esseri umani.

Aquile reali costruiscono il nido nei pressi di piccoli paesi montani, come è successo alla coppia presente da anni nei pressi di Riana e Casarola, il paese di Attilio Bertolucci. La coloratissima Ghiandaia marina, che fino ad una ventina d’anni fa nidificava non più a nord della bassa Toscana, oggi è spinta dal riscaldamento globale a nidificare regolarmente in Emilia Romagna e in Lombardia.

Curiosa ed unica nel suo genere è anche la storia del raro Falco cuculo che, da sempre nidificante soltanto nell’est Europa, da circa vent’anni ha scelto di farlo anche nel parmense (unico sito italiano) grazie alle straordinarie condizioni alimentari dovute a una agricoltura priva di pesticidi, per la coltivazione del foraggio per le vacche da latte e, quindi, la produzione del Parmigiano Reggiano.

Cambiamenti. Spesso obbligati dagli eventi innaturali determinati dalla pressione insostenibile di certe azioni umane. Cambiamenti che chiamano altri cambiamenti, quali quelli che dobbiamo mettere in atto per trasformare in senso ecologico le nostre pratiche ed avviare un nuovo percorso dell’umanità che possa finalmente stabilire, con la natura, una relazione armonica e rispettosa. E’ il grande scopo dell’azione della Lipu e di tutto il mondo ambientalista, da tempo impegnato nel lungo e difficile percorso di conversione ecologica delle nostre società.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.