Tempo di lettura: 2 minuti

Pontevico, Brescia. “La diversità ha bisogno dell’arte, l’arte ha bisogno della diversità il biglietto da visita dell’associazione Il Carrozzone degli Artisti APS, un’idea nata nel 2017 e concretizzata l’anno successivo con la realizzazione del secondo tour che ha visto la messa in scena dello spettacolo “Esprimi un desiderio” per 75 date fino a dicembre.

Purtroppo durante l’anno 2020 l’emergenza mondiale ha portato alla cancellazione delle 90 date previste per il tour estivo e di 27 eventi promossi nelle scuole con la mostra interattiva “Un carrozzone di bellezza arriva a scuola”, creando una grave situazione per tutta l’associazione.

Per mantenere viva l’idea di inclusione sociale il carrozzone ha quindi proposto un nuovo progetto con la particolarità di essere tutto online e al quale è possibile partecipare a distanza: il “Museo in valigia” ha avuto l’inaspettato numero di iscrizioni pari a 119 servizi che si occupano di fragilità toccando 21 provincie e 6 regioni.

Con i sipari che finalmente si rialzano Il Carrozzone degli Artisti è pronto a ritornare per le strade con il tour estivo con due spettacoli che viaggeranno dalla Bassa bresciana alla città, dalla Franciacorta alle valli e non solo, il Carrozzone supera i confini della provincia per fermarsi a Cremona, nella bergamasca e in località trentine.

Dal 19 giugno al 17 ottobre con gli spettacoli:

Esprimi un desiderio. In piazza arrivano artisti di strada in cerca di stelle, le cercano in tutti i paesi che trovano sul loro cammino, salutano la gente, raccontano una storia…la loro storia: sanno che in quel paese sono cadute delle stelle, le cercano per riattaccarle al cielo, “altrimenti com’è possibile continuare ad esprimere i desideri?” … ed è guardando al cielo che si accorgono che le stelle che brillano di più sono quelle più vicine a noi, e che la bellezza del cielo si rispecchia nella bellezza umana, a partire dalla condivisione di momenti di festa nelle piazze, passando per la magica bellezza dei più piccoli, i bambini, attori improvvisati di un improbabile circo.

Il Sarto delle Parole. Il sarto delle parole è il personaggio del nuovo spettacolo… un poeta che cuce parole! Le parole che in questi anni abbiamo ascoltato nelle storie di chi abbiamo incontrato. Parole, parole, parole che si sono aggrovigliate… Sarà il sarto “poeta” a farci capire il valore delle parole e a consigliarci, con il suo sguardo poetico di salvarme alcune semplicemente ascoltandole. Salvare le parole, ascoltarle, trovare le parole buone ridisegnando così ogni giorno il mondo …. questa sarà la nostra nuova missione.

Il programma.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.