Tempo di lettura: 2 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cr) – Si è svolto nella sala riunioni al primo piano del centro AUSER di piazza Garibaldi il consiglio dell’A.N.C.R. di Pescarolo ed Uniti alle ore 20.30 di giovedì 19 maggio.

Solo due gli assenti su 15 componenti tra consiglieri, Sindaci effettivi e supplenti, tutti sempre convocati, in queste occasioni, per il maggior coinvolgimento nella conduzione dell’Associazione.

A presiedere la serata la Presidente Laura Vacchelli con il vicepresidente Malaggi. Il primo punto all’ordine del giorno era l’approvazione del bilanci, consuntivo 2021 e preventivo 2022. Il consigliere Angelo Ferrari ha dato lettura dei dati relativi al consuntivo, approvato poi all’unanimità, unitamente al preventivo senza osservazioni di rilievo. Relativamente al tesseramento, secondo punto all’ordine del giorno, il Presidente ha informato che tutto è proceduto regolarmente con ampia collaborazione dei 119 soci del 2021 e saliti 127 nel 2022. Si è poi passati al programma per la celebrazione della Festa della Repubblica per la quale il ritrovo al Monumento di via Roma, volendo avere per principio la presenza degli alunni delle scuole primaria e materna è stato fissato per le 14,30 di mercoledì 1° giugno. Seguirà l’alza bandiera ed onori con il canto degli Italiani. Ci sarà poi la deposizione della corona, e tutti si sposteranno all’interno dell’area verde per le letture dei bambini e la consegna dei tricolori agli alunni della classe quinte. Chiuderanno la cerimonia i discorsi delle autorità presenti.

Chiusi gli argomenti all’ordine del giorno si è passati ad alcune disquisizioni varie tra le quali un ulteriore aggravio burocratico per i soci che dovranno firmare una dichiarazione di adesione all’Associazione, un’operazione che, come abbiamo scritto e si è detto, può essere sì burocrazia, ma da una maggiore importanza alla scelta di adesione ridando al tricolore il suo valore specifico, da non paragonare ad una tessera qualsiasi, presa casualmente come tante altre, senza giustamente togliere al valore di altre, ma non è sbagliato neanche ricordare con la firma i valori che si intendono supportare e per i quali ci sono state persone che hanno sacrificato la vita. Il Vice Malaggi ha infine fatto presente di avere ricevuto dalla Biblioteca una vecchia bandiera del 1924 e per la quale ha espresso auspicio un giorno di poterla appendere nella propria sede.