Tempo di lettura: 2 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Una serata veramente riuscita, quella organizzata dalla Pro Loco sabato 8 luglio, “Cena con delitto“, che si è svolta nell’ampio cortile della Biblioteca Comunale. Assente purtroppo la Professoressa Salvo, responsabile dell’ente culturale Pescarolese, la collaboratrice Silla, ormai conosciuta per l’estro la fantasia e il buongusto, ha allestito il cortile con angoli a tema della serata e l’esposizione di un centinaio di fotografie per proporre una sintesi delle attività culturali della Biblioteca svolte nei mesi precedenti, i meriti delle quali vanno a tutti i volontari che hanno contribuito alla riuscita dell’iniziativa.

Dieci i tavoli allestiti per oltre 80 persone che hanno trascorso una bella serata (dalle 8.00 alle 0.30) in questa cornice veramente suggestiva, degustando le specialità proposte dalla cucina, oltre a seguire uno spettacolo con intrighi e amori presso la corte dei Gonzaga a Mantova, con la massima attenzione, interpretato dai bravissimi attori della Compagnia Anubisquaw: Marinella Pavanello, Michele Cremonini, Cristina Tegagni e Miriam Gusberti .

Come previsto, c’è scappato il morto e non facile è stata l’individuazione del colpevole, visto il susseguirsi di personaggi entrati in scena e che potevano essere interessati all’eliminazione del Marchese di Mantova Francesco II°. Dalle tre streghe Malinverna, Conturbia e Intruglia, a Isabella D’Este a Eleonora Brognina, Isabella Boschetti, Lucrezia Borgia e Oreste il Ciambellano.

Compagnia Anubisquaw

Prima dell’avvio della cena gli attori hanno distribuito sui tavoli delle schede sulle quali, i gruppi, oltre a darsi un nome, dovevano indovinare l’assassino del Marchese con le motivazioni. Il foglio con la soluzione del quesito è stato consegnato, in busta chiusa, al Sindaco, quale garanzia di riservatezza, prima dell’inizio dello spettacolo.

Tre possiamo definire i momenti principali di coinvolgimento del pubblico. I primi due più impegnativi, a tavola, uno per degustare le buonissime specialità preparate dai bravissimi volontari addetti alla cucina e due per seguire, con la massima attenzione, l’evolversi della vicenda suddivisa in tre atti, intercalati tra le varie portate.

Alla fine l’attrice Marinella ha raccolto le schede ed ha iniziato a leggere le svariate soluzioni e motivazioni dei diversi gruppi, dando vita al terzo momento della serata con un finale rilassante, divertente e spiritoso, tra gli applausi e le risate dei presenti che hanno fatto da cornice alla sua magistrale interpretazione.

L’attrice, facendo riferimento al contenuto della lettera, che era stata consegnata al Sindaco, ha dichiarato vincitore della serata il gruppo “Il canto disperato della Bassa, Bassa Padana” che ha indicato la Boschetti quale autrice del delitto, dopo un sorteggio, per pari merito, con il “casato Marchesi del giglio rosso”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *