Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. MO.CA 0-18 nasce dalla collaborazione tra alcune realtà che coabitano gli spazi di Palazzo Martinengo Colleoni e da un unico desiderio: parlare alle nuove generazioni attraverso il linguaggio artistico. Dopo il successo dell’edizione zero del 2017, MO.CA 0-18 torna e si rinnova, 22, 23 e 24 giugno ritorna il Festival di teatro, musica e cinema per bambini e ragazzi.

3 giorni in cui si alterneranno spettacoli teatrali adatti ad ogni età, corti d’animazione di piccoli e grandi autori, laboratori e un’intera giornata dedicata alla musica dei e per i giovani3 giorni all’insegna della contaminazione dei linguaggi che si intersecano tra di loro, dando vita a un palinsesto ricco, variegato e di qualità pronto ad incontrare i diversi pubblici

3 giorni dedicati alle famiglie per incontrarsi, divertirsi e riflettere insieme ai propri figli

3 giorni dedicati interamente a bambini, adolescenti e giovani per trasformare MO.CA nella piazza della cultura della città

3 giornate nate dalla collaborazione di Residenza IDRA, Avisco, Festa della Musica e la nuova arrivata Cooperativa Tempo Libero lavorano da sempre con un occhio di riguardo per i giovani e i giovanissimi. Insieme, hanno pensato a un festival per parlare alle nuove generazioni e alle loro famiglie attraverso i linguaggi propri di ciascuna realtà: TEATRO, MUSICA, CINEMA.MO.CA 0-18 risponde all’esigenza di proporre nella città di Brescia un’occasione di fruizione artistica per il pubblico dell’infanzia e adolescenza, nella visione che esso sia a tutti gli effetti un pubblico importante quanto quello degli adulti, al quale rivolgersi con proposte artistiche di qualità elevata.

L’hub culturale di MO.CA costituisce un contesto ideale per questa esperienza grazie alle competenze di ciascuno degli attori del progetto che da sempre rivolgono uno sguardo particolarmente attento al mondo dell’infanzia nella varietà delle fasce d’età a cui ciascuno rivolge i propri progetti. Inoltre MO.CA è una vera e propria piazza “protetta” capace di ospitare numeri elevati di pubblico sia all’aperto nella corte che al chiuso nello Spazio Teatro IDRA e nei saloni del piano nobile del palazzo.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *