Tempo di lettura: 2 minuti

Franciacorta, Brescia. Dopo l’edizione 2020 parzialmente spostata sul web per via dell’emergenza Covid, il festival Rinascimento Culturale torna in presenza e si prepara a riempire ancora una volta chiese, teatri e auditorium con un pubblico curioso e attento alle trasformazioni in atto.

Letteratura, scienza, filosofia, musica e storia, ma anche giornalismo, teatro, psicanalisi, sono alcuni dei mondi che toccherà l’ottava edizione in programma dal 10 luglio al 18 ottobre.

16 appuntamenti in presenza nei Comuni della Franciacorta (Castegnato, Erbusco, Chiari, Palazzolo sull’Oglio, Castrezzato, Travagliato, Ome, Capriolo, Ospitaletto e Cologne), patria elettiva della kermesse culturale nata a Gussago nel 2014, a cui si aggiunge quest’anno un evento speciale a Collio, in località Maniva.

Diffondere il sapere e immaginare un futuro migliore attraverso la cultura, oggi più che mai, resta l’obiettivo principale della manifestazione culturale ideata e promossa dall’omonima associazione, sotto la direzione artistica di Alberto Albertini e quella organizzativa di Fabio Piovanelli.

“Festeggiamo l’ottava edizione – racconta Albertini. Sembra solo ieri che iniziavamo con quello che allora prese il nome di “numero zero”, un tentativo timido di mettere alla prova le nostre velleità, di rendere concreto un desiderio che coltivavamo da molti anni. E che invece raccolse grande entusiasmo, dai numerosi Comuni della Franciacorta, dalle istituzioni e da tanti relatori illustri che hanno fin da subito creduto nella nostra passione.”

Protagonisti ancora una volta alcuni dei più illustri esponenti della contemporaneità e amici della manifestazione, che ogni anno rinnovano la propria presenza, portando il loro pensiero: Filippo La Porta, Telmo Pievani, Umberto Galimberti, Franco Cardini, Alberto Mantovani, Marina Gazzini, Ernesto Galli della Loggia, Riccardo Rao, Maria Pia Veladiano, Francesco Stoppa, Alberto Mingardi e Gilberto Corbellini, Gabriele Ghisellini, Vittorio Lingiardi, Marco Vitale, Emidio Zorzella, Antonio Calabrò, Giuseppe Lupo e Guido Barilla.

L’ingresso è libero e gratuito alle serate tutte organizzate in sicurezza e nel rispetto delle normative, con prenotazione obbligatoria sulla piattaforma Eventbrite, fino a esaurimento posti. Tutti gli eventi saranno in seguito disponibili sul canale YouTube https://www.youtube.com/rinascimentoculturale) che ogni giorno aumenta i propri iscritti, grazie alle conferenze di qualità.

Il programma.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.