Tempo di lettura: 3 minuti

Soncino, Cremona. Soncino, eletto a pieno titolo, tra i Borghi più Belli d’Italia, è uno dei paesi più affascinanti e misteriosi del territorio cremonese, un borgo medioevale eretto in passato sopra un dosso ancora circondato dalle mura e sovrastato da una rocca dalle imponenti torri merlate.

Sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre, un evento rievocativo medioevale: “Il fuoco e il falco”, organizzato dall’associazione Castrum Soncini, porterà i partecipanti nelle atmosfere medioevali, spettacoli, visite guidate, laboratori e cucina medioevale. E ancora: falconieri, streghe e fattucchiere, giullari e animazioni con il fuoco, truccabimbi. Manifestazione adatta per grandi e piccini,  alla scoperta del borgo fortificato e delle sue antiche tradizioni e leggende.

Perché persino la sua storia è avvolta nel mistero, sembra che il nome Soncino significhi “re delle acque”, risalente al tempo delle invasioni germaniche, quando, secondo leggenda, il dosso dove sorge il borgo era un isolotto tra le acque paludose del mitologico lago Gerundo.

La trama della storia è nascosta nel borgo e nelle sue leggende, la si respira tra le strette viuzze, i palazzi, i conventi, le pievi, il castello e le possenti mura venete, difendendo nei secoli l’armonia medioevale del paese cresciuto sin da tempi antichi sulle rive del fiume Oglio. Ora vanta come pochi paesi di pianura una testimonianza storico-architettonica inalterata.

Il programma

sabato h. 18-24; domenica h. 10-18, biglietto ingresso: €. 6.00 intero €. 4.00 ridotto

Visite guidate: sarà possibile entrare alla manifestazione liberamente (previo acquisto del biglietto d’ingresso) e anche partecipare a visite guidate alla Rocca sforzesca in determinati orari sempre comprese nel biglietto d’ingresso alla manifestazione.

Laboratori didattici per i più piccoli: per la giornata di domenica tutti potranno cimentarsi con i laboratori della carta fatta a mano, dello Scriptorium con la penna d’oca, della tessitura con telai in legno.

Soncino Gustosa: degustazioni itineranti dai sapori medioevali con visita guidata in luoghi suggestivi della Soncino medioevale e ingresso alla manifestazione con lo spettacolo conclusivo di Alkemika. Costo: €. 15.00 (€. 10.00 bambini dai 6 ai 15 anni). Solo su prenotazione entro mercoledì 27 settembre sul sito www.castrumsoncini.com.

Programma iniziative:

Sabato 30 settembre

  1. 18.00: apertura manifestazione con tutte le ambientazioni medioevali nella Rocca, mestieri e intrattenimenti storici a cura del gruppo storico della Confraternita del Dragone.
  2. 21.00 e 23.00: spettacoli di fuoco e giocoleria (cortile Rocca) a cura di Manipura.
  3. 24.00: chiusura manifestazione.

Domenica 1° ottobre 2017:

  1. 10.00: apertura manifestazione con tutte le ambientazioni medioevali nella Rocca, mestieri e intrattenimenti storici a cura del gruppo storico della Confraternita del Dragone.

Durante l’intera giornata in determinati orari:

– Falconeria con varie esibizioni a cura del gruppo I Falconieri di sua Maestà.

– Laboratori didattici della carta, dello scriptorium e della tessitura.

– Visite guidate all’interno della Rocca sforzesca.

– Banchi di mestieri medioevali e prove pratiche (il cerusico, lo speziale, il fabbro, ilfalegname).

– Intrattenimenti storici, postazioni di guardia e addestramenti militari a cura del gruppo storico della Confraternita del Dragone.

  1. 18.00: chiusura manifestazione.

Spettacoli

Sabato 30 settembre ore 21.00 e 23.00

AlkemiKa a cura di Manipura: spettacolo con danze mistiche di fuoco e geometria delle fiamme, lapilli vulcanici, liquidi infuocati e svariati attrezzi di ultima generazione di giocoleria e di manipolazione del fuoco.

Domenica 1° ottobre per tutta la giornata

I Falconieri di Sua Maestà: esposizione di 13/15 rapaci diurni e notturni, battesimo del guanto per i bambini aspiranti falconieri con rilascio di diploma, possibilità di foto gratuita con il falco al pugno, volo di falchi in libertà

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *