Tempo di lettura: 3 minuti

E’ tornato il generale inverno, era da tempo che mancava, negli ultimi anni si sono susseguiti inverni anonimi, con qualche gelatina, qualche fiocco di neve e nulla più, dov’erano finiti quegli inverni dei raccontati di mio nonno con mezzo metro di neve, gelate e giaggioli che pendevano dai tetti delle case? Quest’anno fa sul serio neve e gelo, galaverna e pozze d’acqua ridotte a una crosta di ghiaccio; a guardarla così la Bassa non si direbbe che tra un paio di mesi tornerà a rifiorire a dar vigore al grano, intorno al fiume il panorama più che di pianura padana sembra una tundra artica. IMG_6222

C’eravamo abituati bene, sgusciavamo fuori dall’inverno senza fatica, senza accorgerci che “esiste” la natura con le sue leggi, quelle leggi in gran parte infrante dall’uomo. Neve e gelo provocano disagi, rallentano la corsa frenetica, ma in fondo chiedono solo prudenza e un poco di fatica a noi umani, mentre per gli animali selvatici la situazione è ben diversa.  Inverni come questo mettono a dura prova gli abitanti invernali della “pianura selvaggia”, svernare è difficile, è una lotta per la sopravivenza per molti animali e uccelli, tanti non proprio abituali della pianura, ma venuti a popolare le ripe e i piccoli boschi che coronano il fiume attratti dagli ultimi miti inverni si ritrovano ora a fare i conti con temperature nordiche. In questi giorni ho visto un airone bianco volare quasi a rallentatore tra i rami orlati dalla galaverna, era alla ricerca di una piccola preda e la preda a sua volta era alla ricerca di un chicco di grano difficile da scovare tra ghiaccio e neve.pettirosso

Dinnanzi all’uscio di casa i pettirossi si son fatti audaci, squittiscono nervosi razzolando intorno alla ciotola del mio cane in cerca d’un avanzo, mentre merli neri come carbone e un codirosso spazzacamino stanno divorando gli ultimi acini avvizziti della vite canadese, quando la fame morde tutto diviene prezioso e sotto la spessa coltre di neve che s’è coricata è ben difficile trovare altro. Per aiutarli ho appeso alcune fette di lardo agli alberi del giardino per i pettirossi, gli scriccioli e le cinciallegre e delle fette di pane secco e spighe di panico per gli altri uccelli, una sorta di albero di natale o meglio una mensa per volatili senza fissa dimora.fiume Oglio

Lungo le coste, antico alveo del fiume, ci sono qua e là delle buche scavate da energici artigli che hanno rotto la crosta ghiacciata in cerca di lombrichi o altro, sono il segno della presenza di una famiglia di tassi che da anni vivono indisturbati in quell’angolo a cui nessuno bada, sono animali che vanno in un semiletargo, ma che durante l’inverno fanno sporadiche uscite spinti dal brontolio della fame. I numerosi fagiani che riempiono le notti fredde della Bassa con i loro richiami con le gelate si son fatti pigri e indolenziti, razzolano come grosse galline nei campi grattando con le zampe la terra gelata.lepre e gazza

Le lepri hanno assunto uno strano atteggiamento si muovono in branco da quattro o cinque, come lupi a caccia e in un qual senso a caccia lo sono davvero o perlomeno alla ricerca disperata di un ciuffo d’erba o altro di commestibile, in questo inverno glaciale si sono ridotte a sgranocchiare le cortecce dei salici di qualche ramo spezzato dal vento o dal peso della neve. Vita dura per quelli là fuori, gli animali veri e sicuramente non per il mio cane che gioca da giorni con il suo migliore amico ruzzolando nella neve sino allo sfinimento, tanto poi c’è cibo in abbondanza e la stufa accesa per accucciarsi.IMG_6156

Molti la fuori non ce la fanno, le giovani lepri dell’ultima nidiata, uccelli stanchi dalla migrazione, animali malati che finiscono nei banchetti delle cornacchie, opportuniste e onnivore che se la sanno sempre cavare. Ma sono tempi duri anche per i rapaci, per gli allocchi che nei giorni della merla iniziano il canto dell’amore e si sa per piacere alle femmine bisogna essere belli ed eleganti; questa settimana ho visto la poiana, regina dei nostri cieli invernali, contendere una carogna alle cornacchie. Il generale inverno non ha pietà, non fa sconti.neve 2

Vista da un’altra angolazione questa invernata dona paesaggi insoliti e struggenti, dipinti in bianco e nero dalle profondità velate, ricami di brina sui rami, orli di galaverna e lacrime di ghiaccio sulle foglie delle querce e poi la neve tanta come non si vedeva dall’inverno del 1985 che ha coperto i paesaggi piatti e infiniti di questa nostra Bassa antartica.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *