Il Geranio appartiene alla famiglia delle geraniacee. Ha le sue origini nelle regioni temperate e subtropicali dell’Africa.
Tra le tante varietà, i più diffusi sono i gerani a edera (Pelargonium Peltatum), i gerani zonali (Pelargonium Zonale) e i gerani imperiali (Pelargonium Macranthum).

E’ una pianta che può essere coltivata anche in appartamento, ma il suo massimo splendore è sui balconi e sui terrazzi: infatti, è considerato il “re” dei balconi e delle terrazze.
La moltiplicazione avviene per talea eseguita in estate per il geranio imperiale e a edera, mentre per il geranio zonale, oltre che d’estate, può essere fatta anche in primavera.
La rinvasatura è da effettuarsi in primavera e se non si vuole aumentare la dimensione dei vasi sarà sufficiente rimuovere il vecchio terriccio e accorciare l’apparato radicale.

Il geranio fiorisce dalla primavera all’autunno ed è opportuno, per una abbondante fioritura, concimarlo ogni 10-15 giorni.
I fiori variano secondo la specie e possono essere doppi, semidoppi e semplici: il loro colore va da bianco al rosa, al rosso, al viola. Ricordatevi sempre di eliminare i fiori non appena appassiscono, in questo modo la piante non perderà di vigore.
E’ una pianta che ha bisogno di molta luce e per qualche ora al giorno non rifiuta nemmeno la luce solare diretta. Non teme le correnti d’aria.

Nel periodo estivo è bene annaffiarlo ogni due giorni e in periodi di siccità anche tutti i giorni, mentre durante l’inverno ogni dieci – quindici giorni. Ci sono alcune varietà le cui foglie, se strofinate, emanano un gradevole profumo. La presenza di questo amato fiore ci conforta nella quotidianità e proporzionalmente al suo colore acquista una simbologia diversa: rosso è consolazione, rosa è attenzione particolare e rosso cupo è malinconia.

Consigli e attenzioni.
Se notate che le foglie ingialliscono e hanno macchie scure, vuol dire che avete bagnato poco il terriccio.
Se notate del marciume alla base del fusto, vuol dire che siete in presenza di un funghi originati dalle eccessive annaffiature. Se toccando le foglie vedete alzarsi dei moscerini bianchi, vuol dire che ci sono gli aleuroidi e cioè dei minuscoli insetti che succhiano la linfa: intervenite subito con un insetticida sino a quando non sono spariti.

Geranio e bellezza
L’olio di geranio – Dal geranio si ottiene l’olio essenziale largamente utilizzato in profumeria e nell’industria farmaceutica. In particolare l’olio essenziale di geranio ha effetto calmante e per la sua fragranza si può miscelare con numerose altre essenze.

Geranio e cucina
Una ricetta di Emmegi