Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. La bandiera a scacchi dello start del “Circuito Fascia d’Orosi abbassa in piazza Arnaldo, nel cuore della città, alle ore 12 di mercoledì primo maggio, per dare il via alla storica corsa di automobili per eccellenza.

La 31ª edizione è difatti la rievocazione di quella che nel lontano 1921 fu il circuito stradale usato il 4 settembre 1921 per il I° Gran Premio d’Italia. Quel tracciato che sarebbe dovuto essere l’autodromo permanente d’Italia, ma dopo pochi mesi fu costruito Autodromo di Monza e il Gran Premio d’Italia non tornò più in terra bresciana. Il rettilineo della Fascia d’Oro è stato più tardi usato però molte altre volte per la mitologica Mille Miglia.

Un gran galà di auto storiche che ritorna da più di tre decenni a sfilare per le strade della città  e della provincia, trascinandosi il fascino immutato delle automobili della grandi case costruttrici mondiali, con gli intramontabili modelli che hanno fatto la storia dell’automobilismo.

Una vera gara di regolarità organizzata Automobile Club Brescia in collaborazione con Old Wheels Car Club Competition Brescia, che prevede un premio speciale Cassa Padana.

La gara non riserva solo il passaggio delle autovetture d’epoca iscritte alla gara, ma inizia già il mattino con il ritrovo dei partecipanti a bordo delle rombanti auto dalle 8,30 alle 11per il rito della punzonatura, in piazza Arnaldo, per poi assistere alla partenza dalle 12.

Le auto in gara sfileranno per le vie della città per poi inoltrarsi nelle campagne della provincia che prevede a Manerbio l’assegnazione del premio Cassa Padana. L’arrivo delle prime auto in gara è previsto in pioazza Arnaldo dalle ore 18. Cena dei partecipanti e premiazione dalle 19 presso il ristorante del Centro Pastorale Paolo VI.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *