Tempo di lettura: 4 minuti

Ero in mezzo ad un bellissimo parco con alberi altissimi dalle chiome così alte e rigogliose mai visti prima. Nel sogno intuivo che erano alberi “immortali”. L’enorme parco era suddiviso in quattro parti molto distinte: una parte degli alberi (sia il fusto che le foglie ed il terreno) era colorata di blu, azzurro e bianco; un’altra parte era colorata di nero, rosso e giallo; un’altra parte, verde azzurro e ai rami di questi alberi vi erano appesi degli arcobaleni straordinari (hem, potenza dei sogni!); infine l’ultima parte era speculare agli alberi della nostra terra, se non fosse stato per l’altezza gigantesca.Il giardino alberato era immenso, restando ferma, vedevo tutto, anche ciò che succedeva dietro agli alberi.

Vedevo persone che passeggiavano, quasi volando, camminavano aderenti al terreno ma non avevano piedi. Come avvicinavo le persone, al solo guardarle negli occhi, comprendevo immediatamente i loro pensieri e loro, dovevano intuire i miei…perché le risposte, erano attinenti alle domande dei miei pensieri…All’improvviso compresi che la strana figura che mi si era avvicinata, voleva che la seguissi: “Mi chiamo Pablo, seguimi ” come automa lo segui. In una frazione di secondo ci trovammo dall’altra parte del parco, nel reparto azzurro.

“Ti porto all’albero delle conchiglie” e nel pensarlo ci trovammo davanti ad uno splendido baobab con i rami colmi di conchiglie bellissime, luccicanti, trasparenti e d’ogni colore. Pablo alzò un braccio verso l’albero e questi magicamente scoprì un anfratto, incorporato nel quale, vi era una specie di display. Da uno schermo azzurro mi sorrise un bellissimo neonato. Lo vidi crescere ed in pochi secondi diventare adulto. Era una donna e la vidi partorire.

Mi riconobbi, ero io. Il neonato ero io…, fui presa da un panico pazzesco e con le mani devo essermi toccata il corpo, per vedere se ero ancora viva. Un segno di paura, che Pabblo intuì e spense immediatamente il display. “Non temere, questo è il parco della Memoria, ogni albero che tu vedi in questo parco, è la casa di tutti gli uomini nati sulla Terra, dico tutti, fin dal primo attimo della creazione. Ogni albero accoglie le persone per categoria, quelle che nella vita terrena, hanno amato le stesse cose”. Ma come mai ci sono alberi colorati diversamente, pensai, sicura di essere compresa senza parlare.

“La zona degli alberi dove siamo noi ora, vale a dire gli alberi azzurri è il reparto dell’Acqua, del mare, di tutte quelle persone che in vita hanno amato il mare con tutte le sue creature o di quelli che sono morti in mare o che hanno avuto a che fare con l’acqua; nel reparto degli alberi rossi, vi sono persone che in vita hanno avuto a che fare con il fuoco o che sono state inumate attraverso il Fuoco; nel reparto con gli alberi verdi azzurri ci sono le persone inumate sugli alberi e mangiate dagli uccelli dell’aria; per esempio anche i piloti o tutte quelle persone che hanno avuto a che fare con il volo e l’Aria; nel reparto degli alberi verdi e marroni, paesaggio speculare alla Terra, ci sono tutte le persone inumate nella terra o che hanno avuto a che fare con la Terra”. Questo è un luogo molto sacro, quasi tutte le persone terrene, che riflettono sui misteri della vita e dell’esistenza… vengono anzitempo a visitarci nel sogno.Se decidi di restare, ho già messo il tuo link nell’albero delle conchiglie, basta il tuo desiderio…”

A quelle parole, presa da un panico terribile, mi sono svegliata. Ero in un bagno di sudore…erano le tre di notte, ed ero completamente sveglia (più di un grillo). Ho preso la penna e per non dimenticare ho scritto subito tutto quello che ora state leggendo e lo invio senza nemmeno rileggerlo, con la speranza che qualcuno di voi possa interpretarlo e sapermi dire cosa significhi. I colori erano straordinari ma il link dell’albero è stato un vero incubo…Grazie per le risposte.

Marina Migliorati


Risponde la psicologa Anna Grasso Rossetti

Gli elementi primari dell’esistenza, mischiati alla femminilità ed al miracolo che solo la femmina può mettere in atto: DARE LA VITA.

Più che un’interpretazione, riguardo a questo sogno, ci sarebbero molte domande da porre alla “sognatrice”:

  1. Quanto ha sofferto, per il suo essere DONNA?
  2. Quante quali dolorose esperienze ha dovuto superare, nella vita?
  3. Perchè il ricordo è talmente pregnante da essere insopportabile?

Il significato più profondo di quanto espresso, è : La ricerca di una serenità affettiva; di un appagamento completo; di un atteggiamento di accettazione può portare a disagio. Ma è un disagio che può essere superato, se non si indulge alla fuga.

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *