Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. Buono, pulito e giusto, tre certezze sulle tavole del Mercato della Terra al castello di Padernello, prodotti genuini proposti da piccoli produttori rispettosi della qualità, dell’ambiente e delle persone.

Domenica 18 novembre, dalle 9,30 alle 18,30, il maniero ripropone un appuntamento oramai consolidato e atteso dai fruitori del cibo sano che porta beneficio a chi acquista, alla sua famiglia, ai produttori che presentano cibi e vini buoni per il palato, puliti per l’ambiente, giusti per la società e soprattutto per la Terra.

Nell’edizione autunnale del mercato ritorna il produttore Davide Covelli con il Mais Rostrato Rosso di Rovetta e l’Azienda Fasoli di Cerna di S.Anna di Alfaedo (Vr) con il Presidio Slow Food del Pero Misso della Lessinia . Alle 15.00 nella sala tra il bar e il camino ci sarà la presentazione del Presidio dei Mieli di Alta Montagna con il responsabile del Presidio per la Lombardia Daniele Biazzi.

Tiene fede gli scopi a cui si è proposta sul territorio la Fondazione del Castello di Padernello, che porti il castello e il borgo ad essere un centro vitale, culturale, di storia e d’arte a tutto tondo, che abbraccia anche quell’arte uscita dalla fatica delle mani dell’uomo nel originario rapporto leale con la terra e il lavoro. In linea con l’ambizioso progetto di “Padernello 2020, Verso il Borgo“.

Il Mercato della Terra di Padernello è un progetto Slow Food che si basa sulla costruzione di alleanze sul territorio. Un’alleanza che riflette un concetto di rete tra enti, istituzioni, produttori e associazioni.

I Mercati della Terra sono una rete internazionale di mercati riservati a piccoli agricoltori e produttori artigiani. I prodotti venduti corrispondono a criteri qualitativi precisi, che riflettono i principi Slow Food con l’obiettivo, non solo di valorizzare i prodotti, ma di salvaguardare le radici, la storia, la cultura alimentare di una comunità ed il paesaggio del territorio.

Al Mercato della Terra di Padernello oltre ai produttori della Bassa Bresciana potrai conoscere produttori provenienti da territori confinanti e non, piccoli trasformatori, artigiani del cibo, presidi, prodotti dell’Arca del Gusto: questa rete amplia la gamma di cibi offerti ed arricchisce il mercato di identità culturali diverse.

Componenti imprescindibili del Mercato sono la presenza educativa di Comunità del Cibo e di Comunità dell’Apprendimento legate al progetto Orto in Condotta, punti focali dell’evoluzione di Slow Food-Terra Madre. Il Mercato della Terra non è un mercato qualsiasi, ma un luogo dove potrai fare una spesa quotidiana buona, pulita e giusta in un coerente contesto educativo, un luogo in continua evoluzione che si arricchisce di attività didattiche che nascono dalle sinergie del territorio.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *