Tempo di lettura: 1 minuto

Per la Giornata Internazionale della Donna, l’8 marzo, il Museo Cervi aderisce all’iniziativa promossa dal Ministero per i Beni Culturali rimanendo aperto con orario continuato dalle 9 alle 17 e con ingresso gratuito per le donne.

Il Museo Cervi, in cui è possibile visitare gli spazi di vita e di lavoro della famiglia Cervi, accoglie al suo interno i video delle testimonianze delle donne della famiglia Cervi, Irnes, Jolanda, Verina e Margherita, vedove dei fratelli Cervi, impegnate direttamente nella conquista di spazi e diritti per le donne, nel pubblico e nel privato.IMG_9015

Negli spazi esterni al Museo, inoltre, sulla torre radar di Arpa a pochi metri da Casa Cervi, è possibile osservare i volti femminili che punteggiano l’installazione artistica permanente realizzata dal Collettivo FX e che raccontano le resistenze di ieri e di oggi, come ad esempio il volto di Genoeffa Cocconi, Aung San Suu Kyi, Malala Yousafzai, Lea Garofalo, Rosa Parks e molte altre donne provenienti da tutto il mondo.cervi torre radar

Alla resistenza delle donne di ieri e di oggi, l’Istituto Alcide Cervi guarda da sempre con interesse e partecipazione, ancor più, se possibile, in una giornata speciale e importante come la Giornata internazionale delle Donne, che quest’anno vede una mobilitazione globale in 40 Paesi del mondo, a cui parteciperanno milioni di donne.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *