Per la Giornata Internazionale della Donna, l’8 marzo, il Museo Cervi aderisce all’iniziativa promossa dal Ministero per i Beni Culturali rimanendo aperto con orario continuato dalle 9 alle 17 e con ingresso gratuito per le donne.

Il Museo Cervi, in cui è possibile visitare gli spazi di vita e di lavoro della famiglia Cervi, accoglie al suo interno i video delle testimonianze delle donne della famiglia Cervi, Irnes, Jolanda, Verina e Margherita, vedove dei fratelli Cervi, impegnate direttamente nella conquista di spazi e diritti per le donne, nel pubblico e nel privato.IMG_9015

Negli spazi esterni al Museo, inoltre, sulla torre radar di Arpa a pochi metri da Casa Cervi, è possibile osservare i volti femminili che punteggiano l’installazione artistica permanente realizzata dal Collettivo FX e che raccontano le resistenze di ieri e di oggi, come ad esempio il volto di Genoeffa Cocconi, Aung San Suu Kyi, Malala Yousafzai, Lea Garofalo, Rosa Parks e molte altre donne provenienti da tutto il mondo.cervi torre radar

Alla resistenza delle donne di ieri e di oggi, l’Istituto Alcide Cervi guarda da sempre con interesse e partecipazione, ancor più, se possibile, in una giornata speciale e importante come la Giornata internazionale delle Donne, che quest’anno vede una mobilitazione globale in 40 Paesi del mondo, a cui parteciperanno milioni di donne.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.