Pescarolo ed Uniti (Cremona) – I volontari, più o meno, sono sempre quelli, ma è grazie a loro che le comunità di Pescarolo e Pieve Terzagni possono vivere momenti veramente belli per dare vita a un binomio emozionant: il sorriso dei bambini nell’atmosfera natalizia.

Dopo il recente passaggio di Santa Lucia, oggi è toccato a Babbo Natale ad accoglierli prima in piazza Garibaldi e a portare doni ai più piccoli nella chiesa di Pieve Terzagni. Per il primo appuntamento, promosso dai volontari e da Corbari Paolo a nome anche dei commercianti solitamente presenti al nostro mercato, già dalle prime ore del mattino di martedì 18 dicembre, nonostante la rigida temperatura, erano in piazza intenti a preparare per gli ospiti grandi e piccoli, la cesta dei dolci, vin brulè, salame, formaggio, pane e caldarroste.

Prima sono arrivati i bambini della scuola materna di Pieve Terzagni e, successivamente, anche i bambini della scuola primaria. Il programma era di fare una foto tutti assieme con Babbo Natale, ma la rigida temperatura e un leggero disguido organizzativo ha consigliato un rientro anticipato a scuola per i più piccoli, comunque non sono mancate foto per tutti, dolci e caldarroste e anche qualche fetta dell’ottimo salame e grana padano preparati da Paolo.

Nel pomeriggio tutti, alunni e insegnanti della primaria, si sono ritrovati presso la chiesa di Pescarolo per alcuni canti natalizi, iniziativa curata dagli Insegnanti grazie alla disponibilità della chiesa da parte del Don. I bimbi hanno poi portato luci e doni alla base dell’albero appositamente preparato, accanto al presepio. Tanti gli applausi alle loro interpretazioni da base dei tanti genitori e nonni presenti.

L’ultimo appuntamento con Babbo Natale si è svolto nel tardo pomeriggio di giovedì 19, grazie alla disponibilità del Don, nella chiesa di Pieve Terzagni, con i bambini della scuola materna. Il mitico personaggio si è annunciato con il suono della campanella portando una cesta piena di giocattoli e un sacco con delle magliette ed è stato ospitato accanto ai bambini, dopo avere spiegato loro come le sue renne l’avevano portato a Pieve Terzagni , che lui non sapeva dove si trovasse. Come hanno finito i loro canti, tra gli applausi di nonni e genitori presenti in gran numero, guidati dalle loro bravissime insegnanti, hanno assalito in massa Babbo Natale che, in breve tempo, ha distribuito tutto quanto aveva. Anche questo momento si è concluso con un ottimo rinfresco, preparato dalle mamme, in una stanza delle ex scuole elementari.