Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. E’ stato consegnato il XXIX Premio Cuore Amico 2019: “Nobel” missionari che operano in Perù, Kenya, Georgia, Etiopia e Brasile.

Istituito dall’Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus nel 1990, per valorizzare la grande opera di evangelizzazione e impegno sociale svolta dalla Chiesa a favore dei poveri, il “Nobel missionario” destina ogni anno € 150.000, complessivamente, a tre missionari, religiosi e laici, che vengono premiati per la loro attività nel mondo.

Quest’anno, in omaggio al mese missionario straordinario indetto da papa Francesco, sono stati premiati non tre missionari ma cinque! Infatti, oltre a una laica dell’Etiopia e a un sacerdote dell’Operazione Mato Grosso in Perù, per la sezione “religiose”, l’Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus ha dato un riconoscimento speciale a una piccola congregazione missionaria che fa grandi cose nel mondo, attraverso due consorelle che operano in Kenya e in Georgia.

Padre Ernesto con Padre Ugo de Censi Perù

I premiati 2019 sono:

• Don Ernesto Sirani, sacerdote appartenente al Movimento Operazione Mato Grosso che, dal 1975, si adopera per i campesinos peruviani sulla Cordillera Blanca.

• Suor Nadia Monetti e suor Loredana Monetti, delle Piccole Figlie di San Giuseppe, attive rispettivamente in Kenya a sostegno di bambini orfani e ammalati di AIDS, e in Georgia con diverse opere che accolgono persone senza fissa dimora e anziani soli.

• Almea Bordino, missionaria laica residente in Etiopia. Ad Addis Abeba si occupa di malati e bisognosi, senza tetto e ragazzi di strada.

A partire da quest’anno, inoltre, si è aggiunto anche un ulteriore premio voluto dall’Associazione Carlo Marchini Onlus che ha deciso di unirsi a Cuore Amico premiando con € 10.000,00 un missionario vicino alle proprie finalità istituzionali di sostegno dell’infanzia in Brasile. E’ stato premiato il sacerdote salesiano don Roberto Cappelletti per l’impegno evangelico a favore di bambini e ragazzi delle comunità indigene di Iauaretê, area remota posta sulle rive del Rio Negro nell’Amazzonia brasiliana.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *