Brescia. E’ stato consegnato il XXIX Premio Cuore Amico 2019: “Nobel” missionari che operano in Perù, Kenya, Georgia, Etiopia e Brasile.

Istituito dall’Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus nel 1990, per valorizzare la grande opera di evangelizzazione e impegno sociale svolta dalla Chiesa a favore dei poveri, il “Nobel missionario” destina ogni anno € 150.000, complessivamente, a tre missionari, religiosi e laici, che vengono premiati per la loro attività nel mondo.

Quest’anno, in omaggio al mese missionario straordinario indetto da papa Francesco, sono stati premiati non tre missionari ma cinque! Infatti, oltre a una laica dell’Etiopia e a un sacerdote dell’Operazione Mato Grosso in Perù, per la sezione “religiose”, l’Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus ha dato un riconoscimento speciale a una piccola congregazione missionaria che fa grandi cose nel mondo, attraverso due consorelle che operano in Kenya e in Georgia.

Padre Ernesto con Padre Ugo de Censi Perù

I premiati 2019 sono:

• Don Ernesto Sirani, sacerdote appartenente al Movimento Operazione Mato Grosso che, dal 1975, si adopera per i campesinos peruviani sulla Cordillera Blanca.

• Suor Nadia Monetti e suor Loredana Monetti, delle Piccole Figlie di San Giuseppe, attive rispettivamente in Kenya a sostegno di bambini orfani e ammalati di AIDS, e in Georgia con diverse opere che accolgono persone senza fissa dimora e anziani soli.

• Almea Bordino, missionaria laica residente in Etiopia. Ad Addis Abeba si occupa di malati e bisognosi, senza tetto e ragazzi di strada.

A partire da quest’anno, inoltre, si è aggiunto anche un ulteriore premio voluto dall’Associazione Carlo Marchini Onlus che ha deciso di unirsi a Cuore Amico premiando con € 10.000,00 un missionario vicino alle proprie finalità istituzionali di sostegno dell’infanzia in Brasile. E’ stato premiato il sacerdote salesiano don Roberto Cappelletti per l’impegno evangelico a favore di bambini e ragazzi delle comunità indigene di Iauaretê, area remota posta sulle rive del Rio Negro nell’Amazzonia brasiliana.