Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Si apre il sipario al Teatro Sociale: Ambra Angiolini e Arianna Scommegna sono le protagoniste de Il nodo di Johnna Adams, portato in scena dalla bravisssima regista Serena Sinigaglia. Un testo potente che ci parla del bullismo e delle intime ragioni che lo generano. Al Teatro Sociale di Brescia, sino al 16 gennaio

In un’aula di scuola buia e deformata prende vita una battaglia attualissima e spiazzante tra una madre e l’insegnante di suo figlio. Il ragazzo è stato sospeso da scuola, è tornato a casa pieno di lividi. Qualcosa di tremendo dev’essere accaduto. La madre vuole capire, chiede spiegazioni: suo figlio è stato vittima di bullismo? O, forse, è lui stesso un molestatore? Ambra Angiolini interpreta il ruolo di una madre che si confronta con il durissimo tema della responsabilità educativa nei confronti dei giovani da parte della famiglia e delle istituzioni.

Com’è possibile che si possa scatenare una violenza tale da indurre un ragazzo o una ragazza a uccidersi? Dove sbagliamo? Chi sbaglia? Di chi è la responsabilità? Il nodo non è solo un testo sul bullismo, ma è soprattutto un confronto diretto sulle ragioni intime che lo generano, per sollecitare la riflessione e la ricerca della verità su uno dei temi più delicati e attuali che riguardano i giovani.

Sciogliere questo nodo, cercare la verità è l’unica possibilità a cui aggrapparsi. Perché, come conseguenza del fatto, il figlio ha commesso qualcosa di tremendo, di irreparabile. E solo un confronto durissimo tra le due donne potrà dare un senso al dolore, allo smarrimento e alloro reciproco, soffocante senso di colpa.

La regia di Serena Sinigaglia porta in scena lo straordinario testo di Johnna Adams, giovane drammaturga tra le più interessanti nel panorama americano contemporaneo. Definito dal Washington Post come un testo “di grande impatto emotivo” e dal Chicago Critics come un “dramma avvincente ed esplosivo”, Il Nodo approda ora in Italia dopo l’entusiasmante accoglienza americana che l’ha visto toccare i palcoscenici di molte città tra cui New York, Chicago, Houston, Philadelphia e Los Angeles.