Cremona. Una mostra dedicata a Giordano Grassi, Cavour Morandi e ad artisti, minori e non, che hanno svolto la loro attività artistica realizzando soprattutto disegni su carta, ritraendo aspetti della vita cittadina quotidiana cremonese nel secolo scorso. La mostra allestita a Santa Maria della Pietà in piazza Giovanni XXIII, a cura del Centro Fumetto Andrea Pazienza, rimarrà aperta al pubblico sino al 15 luglio prossimo.

Scopo della mostra è quindi riscoprire, per quanto possibile, modi di vivere e personaggi della città e dei dintorni di Cremona, attraverso ritratti, schizzi e caricature. E, allo stesso tempo, ricordare e valorizzare l’opera di autori quasi dimenticati, come Morandi e Grassi, delle cui opere non sono disponibili raccolte organiche.

La mostra nasce per il Porte Aperte Festival, in un clima culturale molto disponibile a rileggere il nostro novecento, anche per impulso del Comune di Cremona, al termine di un percorso di discussione finalizzato a valorizzare l’opera, breve ma intensa, di Cavour Morandi, a cura di un gruppo di famigliari, appassionati e operatori culturali che a un certo punto decidono di ampliare gli orizzonti e pensare anche ad altri disegnatori del novecento cremonese.

Per individuare un elenco organico di tali artisti e per iniziare una raccolta sistematica delle opere degli stessi il gruppo di lavoro incaricato ha concentrato la prima parte delle sue attività nell’esame delle illustrazioni della rivista Cremona, mensile illustrato della città e della provincia, pubblicata a cura dell’Istituto Fascista di Cultura dal 1929 al 1943, con periodicità mensile fino al 1939, poi bimestrale. Emanuela Zanesi, direttrice dell’Archivio di Stato, ha già da alcuni anni concluso lo spoglio sistematico dei saggi, delle rubriche e dell’intera documentazione fotografica contenuti nella rivista.

La presente mostra Il Novecento Disegnato vuole quindi, sia pure in modo ancora parziale, completare il lavoro iniziato dalla Zanesi estendendolo a tutte le illustrazioni pubblicate nella stessa rivista. Al lavoro di scansione in alta definizione di tutte le illustrazioni (circa 1500) della rivista ha fatto seguito la suddivisione delle opere scansionate per autore (sono stati individuati circa 60 autori, dei quali 38 probabilmente cremonesi) e l’ulteriore selezione di alcune delle opere più significative per ciascuno di questi autori, opere che sono esposte in copia in questa mostra. Un lavoro destinato a proseguire.

Ampio spazio in questa mostra viene dato ai due artisti Giordano Grassi (nato a Cremona il 04/05/1906 e morto sempre a Cremona il 24/07/1977) e Cavour Morandi (nato a Porto Alegre in Brasile il 18/03/1916 e morto giovanissimo a Cremona il 09/09/1951. Di entrambi è stato possibile reperire un consistente numero di opere originali, grazie ai famigliari nel caso di Morandi e grazie ad appassionati e collezionisti nel caso di Grassi. Di Cavour Morandi in particolare i nipoti conservano anche una ricca documentazione fotografica ed epistolare.