Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. “Finalmente riprendiamo il… “Filo” dopo mesi di clausura si ritorna a Teatro e il “portabandiera” dei teatri cremonesi, il piccolo grande Filodrammatici, riparte con la vitalità di un sorriso. Martedì 18 maggio a portare sul palcoscenico una ventata di allegria c’è l’attore Leonardo Manera con “Italian Beauty”, sicuramente tra i comici più poliedrici nel mondo del cabaret.

Ci vuole forza. Ci vuole coraggio. E un sorriso. A volte, ci vuole proprio una bella risata, sana e piena, per andare avanti ogni giorno in questo nostro Paese pieno di contraddizioni, ma anche di persone che ce la mettono tutta. E Leonardo Manera, in questo spettacolo, ci parla proprio di questa nostra vita quotidiana tra amore e lavoro, e rappresenta alcuni italiani, a volte solo cambiando voce oppure con l’ausilio di una barba o una parrucca.

Trasformandosi in pochi secondi in un cinico medico di pronto soccorso oppure in un imprenditore veneto che è andato a produrre all’estero. Concludendo infine, tra monologhi e personaggi, con un segnale di speranza perché, nonostante tutto, ci sono un po’ ovunque dei segnali che ci fanno sperare in un futuro migliore, cominciando con un sorriso.

Praticamente l’unico comico italiano che ha partecipato a tutte le edizioni di Zelig, Leonardo Manera ha inventato e scritto ogni volta gag, personaggi o monologhi sempre nuovi e vincenti.

La serata inaugurale post pandemia è stata possibile per il patrocinio e la collaborazione di Cassa Padana e C2 Corporate.

Dal 2001 Teatro Filodrammatici è concesso in uso alla Società Filodrammatica Cremonese, organizzatrice della serata di martedì, realtà costituitasi nel 1801 durante l’occupazione francese, con lo scopo di educare il popolo agli ideali repubblicani mediante rappresentazioni sceniche offerte in forma gratuita in un teatro costruito appositamente.
Il Teatro Filodrammatici è da due secoli un riferimento importante per la città di Cremona che ora rialza il sipario e si prepara ad una nuova stagione culturale.

La serata è organizzata nel rispetto delle normative sanitarie.