Tempo di lettura: 2 minuti

Bagnacavallo, Ravenna. Animali, simboli e trasformazioni, la mostra Il Rituale del serpente, presso gli spazi del monumentale Convento di San Francesco di Bagnacavallo, nasce da alcune riflessioni intorno all’opera d’arte simbolo dell’identità culturale di Bagnacavallo: l’incisione San Gerolamo nello studio di Albrecht Dürer, datata 1514 e conservata presso il Museo Civico delle Cappuccine, che raffigura il Santo insieme al leone che aveva portato con sè di ritorno dall’eremitaggio nel deserto, dopo averlo ammansito togliendogli una spina dalla zampa.

Proprio da quest’opera, parte la riflessione sulla mostra, per indagare attraverso l’arte contemporanea l’attualità della simbologia, se e quando è ancora presente, che accompagna il legame tra uomo e animali ed esplorare il modo in cui oggi gli artisti visivi sentono ed esprimono questo particolare rapporto di convivenza tra specie alla luce della “dominazione” consumistica e autodistruttiva dell’essere umano su cui è senza dubbio necessaria una riflessione.

Sabato 11 settembre alle ore 18 inaugura la mostra Il Rituale del serpente. Animali, simboli e trasformazioni, a cura di Viola Emaldi e Valentina Rossi. Il titolo della mostra, Il rituale del serpente, riprende l’omonimo libro di Aby Warburg, che raccoglie una conferenza tenuta dallo studioso nella casa di cura Kreuzlingen nel 1923. Warburg nella sua digressione evoca il terrore primitivo del serpente, l’animale che forse più di ogni altro attiva una carica fobica su tutti gli altri esseri viventi, compreso l’uomo. Questo stesso impulso, del tutto naturale, ci suggerisce di non distinguere l’uomo in quanto specie “differente”, sebbene agisca secondo logica e capacità di astrazione particolarmente complessa. La mostra rimarrà aperta sino all’8 dicembre.

L’esposizione collettiva, promossa dal Comune di Bagnacavallo in occasione della Festa di San Michele, patrono della città, e organizzata dal collettivo Magma, include opere di Mark Dion, Bekhbaatar Enkhtur, Valentina Furian, Claudia Losi, Marco Mazzoni, Marta Pierobon, Luigi Presicce, Lorenzo Scotto di Luzio, Dana Sherwood, Filippo Tappi, Davide Rivalta, Emilio Vavarella.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome