Tempo di lettura: 2 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – La ricorrenza si è svolta nel migliore dei modi, di fronte alle molte perplessità che gli organizzatori avevano sul gradimento, da parte dei cittadini, della nuova proposta. Già nelle prime ore della mattinata le campane della chiesetta avevano dato il segnale della giornata dedicata al Santo, la cui statua lignea era già stata esposta nei giorni scorsi presso la chiesa di piazza Garibaldi.

Ancora una volta si ringrazia per la collaborazione le famiglie Lanzini e Lusiardi, infatti il loro cortile aveva fatto da base d’appoggio per le sedie che, dopo l’entrata in vigore dell’apposita ordinanza di chiusura della strada, venivano sistemate nella via e la famiglia Lusiardi metteva a disposizione il tradizionale tavolo per la Messa, posizionato davanti alla chiesetta, completando poi il tutto con piante di fiori, sul marciapiede l’apposita base che avrebbe ospitato la statua del Santo.

Preparato il tutto, l’appuntamento era poi nella chiesa centrale per l’inizio della Santa Messa, con inizialmente una limitata presenza di fedele. La cerimonia religiosa era impreziosita dalla partecipazione del coro diretto da Dario Anselmi, accompagnato da Davide Telò alla chitarra. In processione poi, i fedeli si portavano presso la chiesetta, dove ad attendere il Santo c’era già un buon numero di persone.

Conclusa la parte religiosa, mentre la statua del Santo, grazie ai volontari, tornava nella chiesa principale, si apriva la seconda parte della ricorrenza, con la tradizionale gnoccata presso il cortile dell’Oratorio, dove si registrava, con viva soddisfazione degli organizzatori, una presenza di circa 200 persone, accolte da Don Attilio.

In considerazione dell’elevato afflusso è stata inevitabile un po’ di attesa iniziale, ma poi tutto è filato via nel migliore dei modi. Un doveroso bravo va a tutti i volontari impegnati nei vari servizi, dalle casse a chi doveva ricevere i numerosi doni offerti (torte, caci, zucche, angurie) e interessarsi anche di raccogliere poi le offerte, agli addetti ai gnocchi, alle griglie, al bar esterno e interno e ai giovani che hanno fatto un ottimo servizio ai tavoli e che hanno poi ricordato la vendita dei biglietti della lotteria e il prossimo appuntamento in occasione della “festa dell’Oratorio” fissata per sabato 9 settembre.

Un grazie anche ai carabinieri di Vescovato per una vigilanza costante, in via Matteotti, per eventuali problemi di viabilità. Una conclusione certamente più che positiva, con un buon ottimismo, che ha definitivamente allontanato ogni perplessità iniziale.