Tempo di lettura: 2 minuti

Breno, Valle Camonica, Brescia. Stagione 2021-2022: il Teatro delle Ali c’è. C’è ed è presente nella sua funzione di presidio culturale per tutta la Valle Camonica, con l’obiettivo di condividere momenti di bellezza, emozioni, scoperta e grande spettacolo con il proprio pubblico, di grandi e piccini.

©Musacchio, Ianniello & Pasqualini

C’è, per proporre una stagione all’altezza delle precedenti, premiando chi gli aveva dato fiducia lo scorso anno, nonostante tutto, con il recupero di quasi tutti gli spettacoli della stagione 2020-2021 e, se possibile, alzando ulteriormente l’asticella, con l’introduzione di ben quattro nuovi spettacoli: il nuovo lavoro di Lucilla Giagnoni e i tre concerti di artisti straordinari come Paolo Fresu, Dino Rubino e il suo quartetto e il duo Laurianne Langevin e Cyrille Doublet.

C’è, con la consueta attenzione di sempre, per offrire cultura e intrattenimento di altissima qualità ai propri spettatori e spettatrici, creando per loro le migliori condizioni di sicurezza e tutela, in piena ottemperanza delle normative sanitarie, presenti e future. E infatti anche per quest’annata, grazie alla fondamentale collaborazione del Comune di Breno e di Cipiesse Produzioni, la gran parte della programmazione del Teatro delle Ali potrà svolgersi negli spazi più capienti del Teatro Giardino (di cui Comune e Cipiesse sono rispettivamente ente proprietario ed ente gestore).

C’è, e soprattutto vuole esserci con tutte le sue forze, perché abbiamo capito che senza teatro siamo tutti un po’ più isolati, incompleti e sprovveduti. Perché il teatro, con tutte le sue storie, i  personaggi, i punti vista, i piani di lettura e le infinite interpretazioni… È vita.

C’è. Perché senza non si può stare.Con queste premesse è stato costruito il cartellone della Stagione 2021-2022, in cui con la consueta atmosfera accogliente e affettuosa il pubblico sarà accompagnato nella magica avventura del teatro da artisti sensibili e appassionati, nomi noti e affermati, ma anche sperimentatori e giovani delle migliori compagnie in circolazione.

Il programma.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.