Tempo di lettura: 3 minuti

Parma – Con l’arrivo dell’autunno i migliori teatri allestiscono i cartelloni della nuova stagione teatrale per dar modo agli spettatori di programmarsi il proprio tempo libero. Da ottobre a maggio decine e decine di rappresentazioni e di spettacoli per tutti i gusti, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Di tutto rilievo la rassegna allestita dal Teatro Due di Parma per la stagione 2016-2017, che avrà in programma un mix di spettacoli veramente accattivanti, tali da soddisfare i gusti di una vasta platea.

l Teatro Due è caratterizzato da una struttura mobile, con quattro spazi di spettacolo di dimensioni diverse, in cui è possibile operare contemporaneamente, allargando così le possibilità di lavoro e di verifica artistica oltre che di frequentazione del pubblico.

Il cartellone allestito.

  • Dal 19 ottobre al 14 dicembre – Fondazione Teatro Due presenta “Shakespeare come vi piace“, indagine sulla vitalità quadrisecolare del più grande Uomo di Teatro d’ogni tempo. Conversazioni a cura di Luca Fontana. In occasione dei quattrocento anni dalla morte di William Shakespeare, il più grande uomo di teatro di ogni tempo, l’Associazione Amici del Teatro Due presenta un ciclo di nove lezioni spettacolo dedicate all’approfondimento del teatro elisabettiano, segnatamente dell’opera del Bardo. Il ciclo di conversazioni sarà curato dal Prof. Luca Fontana, traduttore e saggista, docente di Strutture drammaturgiche del teatro al corso di Laura Magistrale Scienze e Tecniche del Teatro dell’Università IUAV di Venezia. Il programma completo.
  • Domenica 20 novembre – Fondazione Teatro Due presenta “La storia del violino in Italia (1700-1750)” di e con Fabio Biondi, e con Paola Poncet al Clavicembalo. Il programma prevede musiche di alcuni dei violinisti-compositori più attivi ed importanti dell’epoca: Arcangelo Corelli, Antonio Vivaldi, Francesco Geminiani, Giuseppe Tartini Francesco, Francesco Maria Veracini e Pietro Antonio Locatelli . Presso Spazio Bignardi.
  • Giovedì 24 e venerdì 25 novembre – Fondazione Teatro Due presenta “Le Paradis, non, merci!” con Clara Brancorsini, José Ponce, Laura Laboureur, Marcin Habela, Maria de La Paz, Andrea De Luca, Natalia Pastrana e Sofia Revueltas. Musicisti: Geraldine Schenken, Ivan Olah e Clément Meunier. Drammaturgia: Julie Gilbert, Jerome Richer, Nadège Reveillon, Julian Mages, Yves Robert, Francesco Trecci e Benjamin Knobil. Presso Spazio Bignardi.
  • Dal 29 novembre al 4 dicembre – Fondazione Teatro Due presenta “Max Gericke – La più grande parte della vita è vita passata, menomale” di Manfred Karge, con Elisabetta Pozzi. traduzione e messa in scena di Walter Le Moli. Presso Spazio Bignardi.
  • Sabato 3 dicembre – Balletto Civile presenta “Before Break” liberamente ispirato a “La Tempesta” di William Shakespeare, danzato e creato con Maurizio Camilli, Fabio Bergaglio, Aziz El Youssoufi, Giovanni Leonarduzzi, Michela Lucenti, Alessandro Pallecchi, Emanuela Serra, Giulia Spattini, Demian Troiano e Natalia Vallebona. Musica originale eseguita dal vivo da Julia Kent e Nicola Pinelli. Presso Spazio Grande.
  • Domenica 4 dicembre – Balletto Civile presenta “Killing Desdemona” liberamente tratto da Otello di William Shakespeare, regia e coreografia di Michela Lucenti, musica originale eseguita dal vivo da Jochen Arbeit, scene e costumi di Chiara Defant, disegno luci di Stefano Mazzanti, disegno sonoro di Tiziano Scali. Acting coach di Francesco Origo. Presso Spazio Grande.
  • Venerdì 16 e sabato 17 dicembre – Teatro Medico – ipnotico e Teatro Caverna presenta “Werther“, a cura dei Burattinai Patrizio dell’Argine e Veronica Ambrosini. Drammaturgia sonora d iDamiano Grasselli. Progetto realizzato in residenza presso il Teatro del Lavoro di Pinerolo. Presso Spazio Minimo.

Gli spettacoli proseguiranno fino a maggio 2017.
Sul sito del teatro la programmazione completa

CONDIVIDI
Silvano Treccani
Nato a Leno nel 1964 lavora presso Cassa Padana Bcc dal 1995. Le sue grandi passioni sono la musica, il cinema, la lettura e la corsa podistica. Rigorosamente in quest'ordine. E guai a cambiarlo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *