Tempo di lettura: 3 minuti

Rovigo – Con l’arrivo dell’autunno i migliori teatri allesticono i cartelloni della nuova stagione teatrale per dar modo agli spettatori di programmarsi il proprio tempo libero. Da ottobre a maggio decine e decine di rappresentazioni e di spettacoli per tutti i gusti, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Di tutto rilievo la rassegna allestita dal Teatro Sociale di Rovigo per la stagione 2016-2017 imperniata in particolar modo sulla prosa, sulla lirica e sulla danza. Un programma che, ancora una volta, si presenta di qualità e ricco di proposte, mantenendo la consueta eccellenza delle produzioni artistiche, aprendosi anche al contemporaneo e alla valorizzazione di nuovi talenti.

Il cartellone allestito.

  • 3 – 4 e 6 novembre – Rappresentazione de “Die Zauberflöte (Il flauto magico)“, opera in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart. Maestro concertatore e direttore d’orchestra Giuliano Betta.
    Regia di Federico Bertolani.
  • Domenica 13 novembre – Ersilia Danza presenta “La stessa sostanza dei sogni“, coreografia e regia di Laura Corradi. Creato con Midori Watanabe, Marco Mantovani e Alberto Munarin. Musiche di Max Richter, TSFH, Antonio Vivaldi, Jed Kurzel, Les Tambours du Bronx, Olafur Arnalds e Yann Tiersen.
  • 19 e 20 novembre – Teatro Stabile del Veneto presenta “Smith & Wesson“, di Alessandro Baricco, con Natalino Balasso, Fausto Russo Alesi, Camilla Nigro e Mariella Fabbris. Regia di Gabriele Vacis.
  • 15 – 17 e 18 dicembre – Rappresentazione de “Rigoletto“, opera in tre atti di Giuseppe Verdi, libretto di Francesco Maria Piave. Maestro concertatore e direttore d’orchestra Gianna Fratta. Regia di Federico Bertolani. Orchestra Regionale Filarmonica Veneta.
  • Martedì 20 dicembre – Teatro Stabile del Veneto presenta “Calendar girls“, di Tim Firth, traduzione e adattamento di Stefania Bertola, con Angela Finocchiaro e Laura Curino. Regia di Cristina Pezzoli.
  • Mercoledì 11 gennaio – Andrea Maia Teatro Golden e Vincenzo Sinopoli presentano “Finchè giudice non ci separi“, con Luca Angeletti, Augusto Fornari, Laura Ruocco, Tony Fornari e Nicola Vaporidis. Regia di Augusto Fornari.
  • 19 – 21 e 22 gennaio – Rappresentazione de “La Bohème“, opera in quattro quadri di Giacomo Puccini, libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica. Maestro concertatore e direttore d’orchestra Eduardo Strausser. Regia di Paolo Giani Cei. Orchestra Regionale Filarmonica Veneta.
  • Martedì 31 gennaio – Teatro Stabile del Veneto presenta “Il deserto dei Tartari“, di Dino Buzzati, adattamento teatrale di Paolo Valerio, con Alessandro Dinuzzi, Simone Faloppa, Emanuele Fortunati, Marco Morellini, Roberto Petruzzelli, Stefano Scandaletti, Paolo Valerio e con Aldo Gentileschi alla fisarmonica. Regia di Paolo Valerio.
  • Domenica 5 febbraio – Compagnia Zappalà Danza presenta “Romeo e Giulietta 1.1 – La sfocatura dei corpi“, coreografia e regia di Roberto Zappalà. Musiche di John Cage, Sergei Prokofiev e Pink Floyd. Testi a cura di Nello Calabrò.
  • Martedì 14 febbraio – Compagnia Fabula Saltica presenta “Valentino – Musica, danza e poesia per la festa degli innamorati“, con Sabrina Brazzo ballerina ospite, Josè Perez ballerino ospite ed Elena Croce attrice.
  • Martedì 21 febbraio – Arca Azzurra Teatro presenta “L’avaro“, di Molière, con Alessandro Benvenuti e Giuliana Colzi. Adattamento e regia di Ugo Chiti. Amaro e irresistibilmente comico, un’opera di bruciante modernità… L’avaro molieriano riesce a essere un classico immortale e nello stesso tempo a raccontarci il presente senza bisogno di trasposizioni o forzate interpretazioni.
  • Sabato 4 marzo – Balletto Nazionale dell’Opera di Odessa presenta “Giselle“, balletto in due atti, musica di Charles Adolphe Adam, Libretto di Theophile Gautier e Jules-Henri Vernoy de Saint-Georges, coreografia da Jules Perrot, Jean Coralli e Marius Petipa. Corpo di ballo e solisti dell’Accademia Nazionale del Teatro dell’Opera e del Balletto di Odessa. Direttore artistico Garri Sevoyan
  • Martedì 14 marzo – Teatro Stabile del Veneto presenta “Toni Sartana e le streghe di bagdad“, di e con Natalino Balasso, e con Francesca Botti, Marta Dalla Via, Andrea Collavino, Denis Fasolo e Beatrice Niero.
  • 25 e 26 marzo – Rappresentazione de “Manon Lescaut“, dramma lirico in quattro atti di Giacomo Puccini su libretto anonimo. Maestro concertatore e direttore d’orchestra Simon Krečič. Regia di Lev Pugliese. Orchestra della Toscana.
CONDIVIDI
Silvano Treccani
Nato a Leno nel 1964 lavora presso Cassa Padana Bcc dal 1995. Le sue grandi passioni sono la musica, il cinema, la lettura e la corsa podistica. Rigorosamente in quest'ordine. E guai a cambiarlo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *